“Sono umanamente dispiaciuto per Roberto”. Silvio Berlusconi commenta così la condanna definitiva a 5 anni e 10 mesi inflitta dalla Corte di Cassazione all’ex governatore della Lombardia Roberto Formigoni. “L’ultima cosa che avrei pensato nella mia vita, da milanese e da lombarda, è di vedere un grande presidente come Formigoni in galera. Poi la giustizia è bene che faccia il suo corso”, ha detto Daniela Santanchè.

Amici ed ex alleati pongono l’accento su quanto realizzato a Palazzo Lombardia. Se il senatore di Fratelli d’Italia Ignazio La Russa dice “Mi dispiace moltissimo, perché ricordo anche le tante cose buone che ha fatto per il sistema sanità in Lombardia”, per Maurizio Lupi, coordinatore nazionale di Noi con l’Italia, “resta incomprensibile come sia possibile condannare un politico che ha fatto delibere, oggetto della corruzione, inappuntabili e corrette. La mia amicizia, stima e gratitudine per Roberto Formigoni resta immutata”. “Da lombarda ho visto i risultati di Formigoni, ho visto come ha governato la Lombardia e l’ho conosciuto personalmente – afferma l’ex ministro dell’Istruzione di Forza Italia Mariastella Gelmini – La Regione è stata sempre amministrata, è stato un governatore riformista, innovatore e coraggioso. Sono umanamente dispiaciuta”.

“Lo andrò a trovare presto”, promette Renato Schifani. “Rispetto la decisione dei giudici – prosegue il senatore – mi duole che fino ad un mese fa la pena sarebbe stata espiata secondo un rito più umano, che avrebbe previsto misure alternative. E non come avverrà ora per la legge Spazzacorrotti“. Norma “che obbliga una persona di 71 anni ad andare in carcere – commenta Alessandro Cattaneo, esponente di Forza Italia – Nella nostra cultura garantista questo aspetto è più che mai criticabile. Rimane il fatto, lo dico da lombardo, che la sentenza non intacca il giudizio politico su oltre 15 anni di buon governo nella Regione Lombardia”.

Sull’altra sponda della barricata politica anche il Movimento 5 stelle , che la cosiddetta Spazzacorotti ha voluto e realizzato, sottolinea il ruolo del provvedimento: “Ho iniziato il mio cammino nel Movimento per combattere contro personaggi come Mr. B e contro il Celeste ed il suo impero – commenta in post su Facebook Stefano Buffagni, sottosegretario alla presidenza del Consiglio in quota M5s – Oggi mentre gli italiani ci hanno mandato al governo del paese Formigoni andrà in carcere per corruzione dopo che solo qualche mese fa abbiamo anche approvato la legge Spazzacorrotti che non lo farà scappare dalle sbarre dati i gravi reati“.

Per Giancarlo Cesana, uno dei leader storici di Comunione e Liberazione “Formigoni è una persona di grande umanità, ha fatto grandi cose per la sua Regione. Tutta la Lombardia deve essergli grata“. “Sono molto dispiaciuto – aggiunge – ritengo Formigoni una persona estremamente perbene. Bisogna accettare le sentenze, Roberto accetterà questa situazione con grande dignità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Roberto Formigoni, condanna a 5 anni e 10 mesi in Cassazione: l’ex governatore lombardo dovrà andare in carcere

next
Articolo Successivo

Elezioni Sardegna, l’Antimafia fa i nomi di 8 impresentabili: cinque del centrodestra, due del Pd e un autonomista

next