La scorsa settimana Microsoft ha lanciato sul mercato italiano 3 nuovi prodotti della sua celebre linea Surface di tablet e PC.

Il Surface Pro 6 è un tablet Windows con schermo da 12,3″, ed arriva in Italia a partire da 1.069€ con varianti che equipaggiano CPU Intel i5 ed i7 di ottava generazione, dischi ssd con fino ad 1TB di spazio, batteria in grado di fornire circa 14ore di utilizzo e con a bordo Windows 10Home. Il dispositivo è utilizzabile in molteplici posizioni, oltre all’utilizzo hand-held tipico dei tablet, è infatti possibile posizionarlo su una superfice grazie al supporto integrato sia in posizione quasi eretta, ad esempio per guardare film o semplice navigazione, sia come tavoletta da disegno (angolo dalla superficie di circa 30°) sfruttando la Surface Pen in dotazione; il Surface Pro 6 è trasformabile anche in un mini-laptop grazie alla tastiera/cover in Alcantara (opzionale) collegabile magneticamente al dispositivo.

Il Surface Laptop 2 è la seconda generazione del laptop di Microsoft, equipaggia uno schermo touch da 13,5″ (risoluzione 2256 x 1504), CPU Intel i5 ed i7 di ottava generazione, 8 o 16GB di RAM, dischi SSD da 128GB fino ad 1TB e speaker Omnisonic con Dolby Audio Premium installati sotto la tastiera; anche in questo caso a bordo troviamo Windows 10 Home, e la batteria installata secondo le indicazioni del produttore dovrebbe garantire oltre 13ore di utilizzo. La tastiera del Surface Laptop 2 richiama quanto già visto con le cover dei 2 in 1, vedendo l’intera superficie interna (escluso tasti e trackpad) ricoperto in Alcantara. Il nuovo notebook di Microsoft pesa meno di 1,3Kg ed arriva in Italia, nella sola variante platino, con prezzi a partire da 1.169€

Il terzo dei nuovi prodotti in arrivo sul mercato italiano è il Surface Studio 2, seconda generazione del PC All in One di Microsoft pensato per utenti business principalmente negli ambiti design e progettazione. Lo Studio 2 si presenta con un ampio display touch da 28″ (con risoluzione 4500 x 3000) reclinabile verso la superficie fino a trasformarsi in un’ampia tavoletta da disegno, su cui è possibile operare sia con l’apposita penna touch sia con il Dial (ghiera multifunzione di Microsoft, opzionale); l’AiO del produttore statunitense equipaggia una CPU Intel i7 di settima generazione (7820HQ), 16 o 32GB di Ram DDR4, storage SSD da 1 o 2 TB e GPU NVIDIA GTX 1060 o GTX1070, arriva dotato di tastiera e mouse wireless permettendo di ridurre i cavi utilizzati alla sola alimentazione; essendo un prodotto pensato per il mercato professionale utilizza Windows 10 PRO. Il prezzo per la configurazione base non è certamente contenuto, vedendo il Surface Studio 2 in commercio con prezzi a partire da 4.199€

Surface Pro6 e Surface Laptop2 sono disponibili per gli utenti business anche in versioni specifiche equipaggiate con Windows 10 Pro, in questo caso i prezzi di partenza salgono rispettivamente a 1.169€ e 1.369€

 

Riprese e Montaggio di Paolo Tani

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

IBM Research lavora alla produzione di cibo sostenibile e sano grazie alla tecnologia e all’Intelligenza Artificiale

prev
Articolo Successivo

Le Intelligenze Artificiali che calcolano i prezzi online potrebbero imparare a “fare cartello”

next