Medaglia di bronzo agli Europei di Budapest del 1998 e un record, quello nei 10mila metri piani in 31’05”, ancora imbattuto da 19 anni. Maura Viceconte, ex stella dell’atletica azzurra, si è tolta la vita nella sua casa di Chiusa San Michele, in provincia di Torino. Aveva 51 anni e dopo la carriera come maratoneta era stata colpita da un tumore al seno. A darne notizia la stessa Federazione italiana atletica leggera.

Solo pochi mesi fa, a novembre, aveva presentato un docufilm sulla sua vita, La vita è una maratona – La corsa il modo di vivere, promosso in tutta Italia. Un’esperienza che le aveva permesso di tornare a confrontarsi con amiche e avversarie del tempo, come ricorda la Fidal in una nota. La sua carriera sportiva è durata per quasi due decenni, a cavallo tra gli anni ’90 e il 2000. Una figura, ricorda la Federazione, “per lunghi anni di notevole rilievo nel panorama fondistico nazionale ed internazionale”, soprattutto nelle 42 chilometri.

Nata a Susa nel 1967, il primo successo arriva nel 1994, quando diventa campionessa italiana nella maratona. Da lì un susseguirsi di vittorie. Prima nella maratona di Venezia, nel 1997, poi a Montecarlo, Carpi, Roma, Vienna, quando corse in poco più di 2 ore e 20 minuti, al tempo cifra record nazionale. E ancora Praga e poi Napoli. Ai campionati di Budapest nel 1998 sale sul terzo gradino del podio, dopo la portoghese Manuela Machado, oro, e la russa Madina Biktagirowa, argento. Dodicesima ai giochi di Sidney, si ritira dalle piste nel 2004. Quattro anni dopo viene colpita da un carcinoma al seno, poi sconfitto, e diventa testimonial della lotta contro il cancro per l’associazione Salute-Donna di Torino, come riporta il Corriere della Sera.

“Ai familiari di Maura vanno le condoglianze del Presidente Fidal Alfio Giomi, e l’abbraccio ideale di tutta l’atletica italiana”, conclude la nota della Fidal. Maura lascia un figlio di 8 anni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Claudio Gomes, il ‘nuovo Kanté’ ha 18 anni e gioca nel Manchester City. Guardiola impazzisce per lui

next
Articolo Successivo

Nba, l’All Star Game “piega” la politica: James&co. a Charlotte dopo la correzione della legge sui wc per i transgender

next