“Io sono, quale Presidente della Repubblica, garante della coesione nazionale”, è il lapsus del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, oggi a Potenza, forse distratto dall’incalzare delle domande dei giornalisti e dal numero di telecamere che lo “assediavano”. Conte stava rispondendo a una domanda sulle conseguenze della maggiore autonomia chiesta da alcune Regioni. Né il premier si è accorto del lapsus né i giornalisti glielo hanno fatto notare e la sua risposta è continuata senza interrompersi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanremo 2019, Boccia: “Salvini e Di Maio? A furia di premere sulla pancia del Paese, una grande scorreggia li seppellirà”

prev
Articolo Successivo

Venezuela, Moavero vede delegazione di Guaidó. Che scrive: “Sconcerto per posizione di Roma. Italia sia con noi”

next