55 centesimi di euro.

Ecco quanto costa un litro di latte di pecora in Sardegna. Il nostro petrolio sano e naturale, una delle più grandi ricchezze della nostra terra, quasi più preziosa dell’acqua.

55 centesimi di euro.

Ecco quanto costa il sudore di uomini e donne, la loro dedizione verso un mestiere antico e faticoso.

55 centesimi di euro.

Ecco quanto costa la storia e la tradizione millenaria di un prodotto unico e con esso di un popolo intero.

È solamente quando manca qualcosa di prezioso che improvvisamente ci si accorge di quanto sia davvero prezioso, di quanto sia impossibile farne a meno. E forse, finalmente, ci si renderà conto persino di quanti sforzi immani sono serviti per quei miseri 0,55 centesimi di euro.

Ecco perché i pastori sardi svuotano i loro serbatoi così faticosamente riempiti, liberandosi del loro oro bianco. Un gesto estremo e sofferente, grave sì, ma pieno di quell’orgoglio sardo che da sempre contraddistingue questo popolo. Perché sia chiaro una volta per tutte che non si accettano compromessi da 0,55 centesimi. Perché svendersi è come rinunciare alla propria esistenza, al proprio valore, ai propri diritti, ai sacrifici di una vita.

Perciò sì, io sto con Nando e con tutti i pastori uniti della mia Sardegna.

Fortza Paris!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sardegna, calciatori del Cagliari si uniscono a protesta dei pastori e rovesciano bidoni del latte con la maglia rossoblù

next
Articolo Successivo

Torino, corteo anarchici contro sgombero dell’Asilo: 12 fermi e 4 feriti. Black bloc assaltano bus di linea. Salvini: “Infami”

next