“Sarà pacifica o belligerante la coesistenza tra auto tradizionali e driverless?” si chiede Claudio Baglioni, in un’intervista pubblicata sul mensile dell’ACI, “L’Automobile”, in cui parla del connubio particolare tra auto e musica (che lo riguarda molto da vicino), e delle sue paure relativamente alla guida autonoma.

Baglioni, che per il secondo anno consecutivo si ritrova alla direzione artistica del Festival di Sanremo, ammette: “la guida autonoma un po’ mi preoccupa, per alcuni squilibri che non sarà così facile ricomporre”, riflettendo su “chi deciderà cosa fare in caso di scelte estreme e se le nuove auto saranno più morali o immorali di noi”.

Domande di grande attualità nell’ambito automobilistico, perché la guida autonoma è un argomento che fa già discutere molto, tanto negli Stati Uniti – dove le sperimentazioni su strade pubbliche sono oramai all’ordine del giorno, quanto in Europa – dove ottenere i permessi per effettuare questi test è ancora piuttosto complicato. E di certo, gli incidenti che si sono verificati lo scorso anno, con protagoniste auto Uber, Tesla e Waymo, hanno evidenziato alcune falle nei sistemi di sicurezza, che hanno contribuito a rallentare i processi normativi per regolamentare la presenza di auto a guida autonoma sulle strade.

Quando a guidare non è “nessuno” e si verifica un incidente, “la responsabilità su chi deve ricadere?”, si chiede ancora il cantautore romano che nel 1973 cantava “la mia Camilla non è che pisti, 70, 80, 90, 100” nell’album “Gira che ti rigira amore bello”. Il 45 giri aveva in copertina proprio Camilla, la Citroen “due-cavalli” color giallo paglierino di Baglioni: auto che in breve tempo divenne un’icona per i ragazzi degli anni Settanta e per quanti vedevano nella “piccolezza” (di dimensioni, di consumi e di prezzo) della prima Double-chevron, un simbolo di contestazione e opposizione al capitalismo.

Come detto, un rapporto, quello tra musica e auto, che per Claudio Baglioni è sempre stato significativo e che, nel corso della sua vita, ha rappresentato gioie e dolori: nel 1990, infatti, un grave incidente stradale avuto a bordo della sua Porsche gli fa riportare delle ferite a volto, mani e lingua. Le ultime, in particolare, minacciavano di compromettergli la carriera canora. Oggi, per ACI e FIA, Baglioni è testimonial della campagna di sensibilizzazione “Dieci secondi che possono cambiarti la vita” e, parlando ancora della sicurezza sulla tecnologia di guida autonoma, dice: “il progresso non si può né deve fermare, è vero ma bisogna assolutamente evitare che possa essere lui a fermare noi”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Auto, il ministro Bonisoli: “Patrimonio del nostro Paese, come la musica”

next
Articolo Successivo

Fca, utili per 5 miliardi nel bilancio 2018. Ma il 2019 rimane un punto interrogativo

next