Si vanno definendo nel dettaglio le caratteristiche tecniche dei seggiolini antiabbandono per il trasporto in auto dei bambini fino a 4 anni: il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha infatti predisposto le linee guida fondamentali per questi dispositivi. La norma, però, dovrà passare al vaglio del Consiglio di Stato prima della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale ed entrerà in vigore dall’inizio del mese di luglio.

I seggiolini antiabbandono potranno avere un sistema di allarme integrato o separato, nonché venduto come un accessorio: così, chi ha recentemente acquistato un seggiolino di “vecchia generazione”, non dovrà comprarne uno nuovo. La norma stabilisce che il dispositivo sia calibrato per attivarsi tempestivamente in caso di allontanamento del guidatore dal veicolo in presenza di un bambino seduto nel seggiolino.

Il sistema di sicurezza in questione dovrà essere capace di accendersi automaticamente a ogni utilizzo del seggiolino, fornendo un segnale acustico di conferma al guidatore. Inoltre, come si legge nel testo della nuova legge, l’allarme “dovrà essere in grado di attirare l’attenzione del conducente tempestivamente attraverso appositi segnali visivi e acustici percepibili all’interno o all’esterno del veicolo”.

Non è tutto: questi dispositivi intelligenti saranno dotati di un sistema di comunicazione automatico per l’invio di messaggi o chiamate ad almeno tre diversi numeri di telefono. E, se alimentati a batteria, dovranno poter “segnalare al conducente livelli bassi di carica rimanente”. Tutto ciò dando per scontata la compatibilità con tutte le norme di conformità della Ue in relazione alla sicurezza stessa del prodotto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Incidenti stradali, Cassazione: “Responsabili anche dell’imprudenza altrui”

prev
Articolo Successivo

Nissan, piano B contro hard Brexit: l’X-Trail non verrà prodotto in Inghilterra

next