Gireranno tra le corsie, controlleranno le stanze, avvertendo i medici in caso di emergenze con i pazienti, oppure dialogheranno con gli ospiti, accompagnandoli a fare esami. Sono Pepper e R1, i due robot umanoidi che hanno da poco finito un ‘tirocinio’ e che ora si preparano a entrare anche in altri ospedali italiani.

Per oltre due mesi, fra ottobre e novembre, i bot sono stati testati alla struttura sanitaria Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, in provincia di Foggia. Così mentre Pepper monitorava i malati, chiamando i medici in caso di bisogno, come ad esempio se il paziente cadeva dal letto o in bagno, R1 li assisteva nella loro routine quotidiana, dalla sveglia mattutina fino all’ora delle terapie. Gli umanoidi hanno superato a pieni voti il test e ora inizieranno la seconda fase della loro ‘formazione’: una sperimentazione di 2-3 anni nello stesso istituto, per poi arrivare agli ospedali italiani e francesi.

La ricerca nasce dalla collaborazione dell’Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) di Genova, dove è nato R1, con le aziende Konica Minolta, specializzata in intelligenza artificiale, e la giapponese Softbank, produttrice di Pepper. “Abbiamo deciso di provare entrambi i robot perché hanno caratteristiche diverse: R1 è un robot di ricerca, mentre Pepper è già un modello commerciale”, precisa Francesco Puja, del laboratorio di Roma della Konica Minolta. Entrambi hanno le braccia e si muovono su ruota. Solo R1 però ha un’intelligenza artificiale che gli permette di interagire con l’uomo. L’obiettivo quindi è sviluppare la sua empatia. “Sarà utilizzato in ospedale anche per capire le emozioni e lo stato fisico del paziente. Durante l’interazione potrà inoltre raccogliere dati utili per fare una prima diagnosi”, conclude Puja.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Intelligenza artificiale, ecco Claire il laboratorio che si ispira al Cern. Il papà della robotica: “Serbatoio di eccellenze”

prev
Articolo Successivo

Editing genetico, cinque scimmie clonate in Cina per aiutare a studiare tumori e diabete

next