Non è più candidata alla segreteria di +E,uropa Paola Renata Radaelli, già candidata con La Destra di Francesco Storace alle elezioni comunali di Genova del 2012 e attestata su posizioni salviniane. Lo comunica la lista di Emma Bonino sul sito. “A seguito del mandato ricevuto dal Consiglio, l’amministratrice di +Europa, Silvja Manzi, ha proceduto a una verifica delle iscrizioni collettive con un unico mezzo di pagamento. Da tale verifica sono risultate da restituire le quote di 191 persone.

In questo elenco sono compresi la signora Paola Renata Radaelli, candidata alla segreteria, e il signor Gerardo Meridio, capolista della lista ‘In Europa sì, ma non così’. Pertanto le loro candidature decadono. I candidati segretari al Congresso di +Europa, che si svolgerà da venerdì 25 a domenica 27 gennaio a Milano presso l’Hotel Marriott in Viale Washington 66, sono dunque: Marco Cappato, Alessandro Fusacchia, Benedetto Della Vedova; le liste che concorrono per l’assemblea passano da dieci a nove”.

La candidatura della Radaelli era spuntata all’ultimo minuto giovedì 17 gennaio, a otto giorni dall’inizio del primo congresso nazionale. Un nome sconosciuto ai militanti della formazione europeista e, stando al cv, vicino alle posizioni salviniane più che a quelle liberali di +Europa. Nel frattempo il movimento aveva registrato un boom di iscrizioni anomalo: 2mila nuova tessere nelle ultime due settimane, che hanno portato il totale a 5mila. Dalle verifiche non erano risultati acquisti in blocco di dimensioni tali da suscitare sospetti, ma era inevitabile pensare a un legame con la candidatura a sorpresa. Dopo le verifiche è arrivata la decisione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Corruzione, Bonafede: “In Italia si vede a occhio nudo”. Bagarre alla Camera: urla e insulti dal Pd e da Fi. Seduta sospesa

prev
Articolo Successivo

Giuseppe Conte, il discorso integrale a Davos: “L’Euro doveva risolvere tutti i problemi. La realtà è molto diversa”

next