“Un giorno mi è venuto da dire: se raggiungiamo l’asticella dei cinque milioni di euro, vi porto tutti in crociera. E così è stato”. Vito Casarano, titolare della Technoacque di Fasano (Brindisi), ha fatto questa scommessa con i suoi dipendenti. Una scommessa che insieme hanno vinto. Quindi il 25 agosto , scrive il Quotidiano di Puglia, li ha portati tutti e 28 in crociera nelle isole greche tra Corfù, Atene, Mykonos e Santorini. Tutto a spese della sua azienda, che da oltre 30 anni si occupa di formulati chimici, impianti e servizi per il trattamento acque. Li ha voluti premiare per aver raggiunto in anticipo quell’obiettivo di fatturato che si era prefissato.

In viaggio anche mariti, mogli e figli. “Ma io – precisa l’imprenditore che li ha accompagnati con la sua famiglia – ho pagato solo per i dipendenti. I ragazzi sotto i 18 anni viaggiavano gratis”. “In tutto – aggiunge – eravamo una sessantina di persone”. “Mi hanno mostrato tanta gratitudine che mi ha commosso”, prosegue Casarano sottolineando che per lui “non è stato un costo ma un piacere ricambiato da tanto affetto”. Un piacere che potrebbe essere rivissuto dai dipendenti. “A dicembre scorso quando ho fatto il discorso di fine anno – conclude Casarano – ho detto ‘ragazzi se andiamo avanti di questo passo l’estate del 2020 potremo fare un’altra crociera“.

Al giornale pugliese Casarano spiega anche di avere “favorito quell’atteggiamento positivo e persino di interesse che un dipendente deve provare nello svolgere il suo lavoro. Imporre non funziona più, ma è vincente un atteggiamento di inclusione del dipendente nel progetto che si intende realizzare. In questo modo nell’animo del lavoratore si innesca una metamorfosi capace di trascinare gli altri colleghi, generando una reazione motivazionale a catena, che inevitabilmente porta l’azienda alla crescita“.

(immagine tratta da YouTube)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dentista si rifiuta di curare un paziente sieropositivo. Siamo rimasti a 20 anni fa, anzi peggio

prev
Articolo Successivo

Banane, tra potassio e cure anticancro. Due bufale da sfatare

next