Sono ormai lontani i tempi in cui gli italiani usavano poco Internet e i tanti servizi offerti dalla rete. Grazie alla capillare diffusione degli smartphone, oggi i cittadini che accedono al web tramite browser mobile sono 22,5 milioni (il 69% degli utenti online), quelli che navigano tramite app installate sul proprio smartphone sono stati 27 milioni (l’82,6% degli utenti totali online).

Sono questi i dati più rilevanti contenuti nella relazione Audiweb relativa al mese di novembre 2018, che fotografa la presenza online degli italiani. Dati che suggellano (se ce ne fosse bisogno) la situazione di crisi dei PC convenzionali, siano essi notebook o desktop. A usare il computer per navigare online, infatti, nel periodo di riferimento sono stati solo 11,6 milioni.

Il succo della relazione è comunque positivo, perché a prescindere dal supporto usato per accedere a Internet, gli italiani sfruttano sempre di più le risorse online. Non c’è nemmeno più la discrepanza di un tempo fra i dati regionali: nel giorno medio era connesso online il 55,9% della popolazione dell’area Nord Ovest (8,9 milioni), il 54% dall’area Nord Est (5,8 milioni), il 57% dall’area Centro (6,5 milioni) e il 54,4% dell’area Sud e Isole (11,8 milioni). Grazie alla rete mobile, e a un costo del traffico dati sempre più accessibile sugli smartphone, la mancanza di connessioni cablate efficienti nelle abitazioni non è più una discriminante.

Per il resto, Audiweb calcola che gli italiani a novembre hanno navigato in media per 3 ore e 16 minuti a testa. Le donne hanno dedicato qualche minuto in più degli uomini alla consultazione di contenuti Web, e i cittadini nella fascia d’età compresa fra 18 e i 44 anni hanno speso più tempo online (oltre 3 ore) di quelli fra i 55 e i 64 anni (circa 2 ore e 40 minuti).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Qbo è il robot italiano che sforna un ragù di qualità in 25 minuti

prev
Articolo Successivo

Google versa 40 milioni di dollari a Fossil per primeggiare negli smartwatch

next