Bagarre a L’Aria che tira (La7) sul decreto dignità, fervidamente contestato dall’imprenditore vinicolo trevigiano, Sandro Bottega. Quest’ultimo lamenta che la sua azienda ha dovuto lasciare a casa molti lavoratori a causa del decreto dignità: “Non posso assumere, perché il picco di lavoro non è costante. Io posso assumere solo per un determinato periodo, non ho mai la certezza delle ordinazioni della clientela“. “Ma un imprenditore non deve certezza. Deve rischiare“, osserva il sociologo Domenico De Masi. E la furia di Bottega è incontrollabile: “Ma che cosa sta dicendo? Che cosa devo rischiare? Io dovrei soddisfare un milione di euro in più per tenermi 25 dipendenti tutto l’anno. L’assunzione di una persona da parte di un imprenditore è come un matrimonio. Io non posso pagare i 36 mesi, che è il periodo massimo nel caso di licenziamento. Per sei mesi di lavoro ne devo pagare 36? Come si permette di dire una cosa del genere? Cosa devo rischiare?”. “Ma lei è isterico, io non ci posso fare nulla”, replica De Masi. La veemenza dell’imprenditore lievita sempre più e si ripete quando Riccardo Molinari, capogruppo della Lega alla Camera, difende il decreto di dignità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Battisti, Bonafede: “Passerella? No, offensivo non andare”. Padellaro: “Salvini si è preso tutta la scena”

prev
Articolo Successivo

M5s, Di Maio: “Campagna elettorale di Di Battista? Lui la fa gratis, non è pagato da italiani. Di cosa si deve vergognare?”

next