Una “cena da ancien régime” dalla quale “chi parla di cambiamento farebbe bene a starne lontano, molto lontano”. È Alessandro Di Battista a bocciare la partecipazione di Matteo Salvini all’evento sulla giustizia organizzato dalla giornalista Annalisa Chirico al quale saranno presenti anche diversi esponenti del Giglio Magico, tra i quali Maria Elena Boschi e il tesoriere del Pd Francesco Bonifazi. “Certi soggetti sono ormai come i fili della luce – attacca l’esponente del Movimento Cinque Stelle su Facebook – Quel mondo lì è un mondo grigio”.

Il ministro dell’Interno si era detto “onorato” di partecipare alla cena – alla quale saranno presenti il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, Gianni Letta e i procuratori capo di Palermo, Firenze, Bologna, Venezia e Catanzaro – ma aveva allontanato l’ipotesi – avanzata da Repubblica – che la manifestazione potesse essere un momento per “avvicinare” i due mondi: “Retroscena inutili. Io lavoro, insieme al governo, a una riforma della giustizia, penale e civile, che il Paese attende da anni. E quindi ne parlo con tutti”, aveva spiegato Salvini.

Mentre Chirico bocciava come “fake news” i contatti Lega-Pd e anche Boschi si lamentava (“È un raduno di garantisti”), tra i Cinque Stelle nessuno aveva parlato. Né Luigi Di Maio né il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, che ha in mano la legge delega per la riforma collegata allo Spazzacorrotti, osteggiato da Chirico e dal presidente di Confindustria.

Di Battista ha rotto il silenzio su Facebook: “Il tempo è prezioso. Meglio occuparlo per dividere le banche d’affari da quelle commerciali più che dividere un pasto con certi commensali. Meglio puntare l’indice contro chi non ha tutelato il risparmio degli italiani più che alzare il mignolino e brindare assieme a chi ha contribuito a distruggerlo”.

“La priorità adesso è cambiare l’articolo 560 del cpc (che riguarda il pignoramento degli immobili, nda) e difendere le case degli italiani, non partecipare a cene da 6mila euro con Boschi, Amato e Tronchetti Provera“. Poi l’invito al vicempremier leghista: “Salvini queste sono serate da Malagò, torna in te!”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tav, Bloomberg: “L’analisi costi-benefici boccerà il progetto perché insostenibile”. Toninelli: “Non è ancora completata”

prev
Articolo Successivo

Migranti, Muscat (premier Malta): “Global Compact? Non mi capacito del fatto che l’Italia non lo abbia firmato”

next