Era stata licenziata perché si “era appropriata di un bene non di sua proprietà”, anche se quell’oggetto era stato recuperato dalla spazzatura ed era destinato al macero. Ma i giudici della sezione Lavoro della Corte d’Appello di Torino hanno ribaltato la sentenza di primo grado e stabilito che il monopattino recuperato il 30 giugno 2017 da Aicha Elisabethe Ounnadi, che voleva fare un regalo a suo figlio, non è stato rubato. Quindi la donna, 41enne originaria del Marocco, deve essere reintegrata dalla Cidiu di Savonera, a Collegno, che si occupa della raccolta e della gestione dei rifiuti nella cintura Ovest di Torino. La Corte ha inoltre annullato il licenziamento “per insussistenza del fatto” e disposto un risarcimento di 12 mensilità. “Giustizia è stata fatta – commentano gli avvocati della donna, Paola Bencich e Mara Artioli -. Siamo soddisfatte soprattutto dal punto di vista umano: la Corte ha riconosciuto che non si è trattato di furto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, Di Maio: “Navigator precari? Nostro obiettivo è stabilizzarli tutti nei prossimi anni”

next
Articolo Successivo

Foodora, Torino ribalta sentenza sui rider: “Retribuzione segua contratto nazionale”

next