Era stata licenziata perché si “era appropriata di un bene non di sua proprietà”, anche se quell’oggetto era stato recuperato dalla spazzatura ed era destinato al macero. Ma i giudici della sezione Lavoro della Corte d’Appello di Torino hanno ribaltato la sentenza di primo grado e stabilito che il monopattino recuperato il 30 giugno 2017 da Aicha Elisabethe Ounnadi, che voleva fare un regalo a suo figlio, non è stato rubato. Quindi la donna, 41enne originaria del Marocco, deve essere reintegrata dalla Cidiu di Savonera, a Collegno, che si occupa della raccolta e della gestione dei rifiuti nella cintura Ovest di Torino. La Corte ha inoltre annullato il licenziamento “per insussistenza del fatto” e disposto un risarcimento di 12 mensilità. “Giustizia è stata fatta – commentano gli avvocati della donna, Paola Bencich e Mara Artioli -. Siamo soddisfatte soprattutto dal punto di vista umano: la Corte ha riconosciuto che non si è trattato di furto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, Di Maio: “Navigator precari? Nostro obiettivo è stabilizzarli tutti nei prossimi anni”

prev
Articolo Successivo

Foodora, Torino ribalta sentenza sui rider: “Retribuzione segua contratto nazionale”

next