Annunciato ieri e disponibile da subito in vendita a 249 euro, il P Smart 2019 di Huawei è il nuovo smartphone Android di fascia media con un equipaggiamento di tutto rispetto. È pensato per sfidare i Redmi Note 7 e Note 7 Pro che Xiaomi ha presentato proprio ieri (ma non sono ancora acquistabili), così come altri numerosi concorrenti nella fascia di prezzo compresa fra 200 e 300 euro.

Ad attirare l’attenzione su questo prodotto sono le specifiche tecniche, che comprendono il processore Kirin 710, abbinato a 3 gigabyte di memoria RAM e a 64 Gigabyte di spazio di archiviazione, espandibile tramite micro-SD. Il processore è lo stesso in dotazione al Mate 20 Lite, che nei nostri test aveva dimostrato di essere in grado di garantire buone prestazioni nell’uso tipico, oltre che di cavarsela bene anche con i videogiochi.

L’unica grande differenza rispetto al Mate 20 Lite è nella quantità di memoria leggermente inferiore (3 GB contro i 4 GB del Lite). Abbiamo avuto modo di maneggiare il nuovo P Smart e la nostra prima impressione è che questo smartphone riesca comunque a gestire in maniera adeguata il sistema, garantendo buone prestazioni. Sono in corso i test approfonditi in cui metteremo sotto stress il prodotto per far emergere eventuali limiti.

Esteticamente parlando, le dimensioni del prodotto sono dettate dallo schermo da 6,21 pollici a risoluzione Full-HD+ (2.340 x 1.080 pixel) e rapporto di forma in 19.5:9. Lo stesso schermo è presente su tanti altri smartphone Huawei della stessa fascia di prezzo, e possiamo anticipare che è in grado di restituire un’ottima esperienza visiva. Una caratteristica del P Smart 2019 è l’assenza del famigerato notch, la tacca sulla parte superiore dello schermo in cui alloggia la fotocamera. Nel nuovo modello è a forma di goccia e decisamente meno invadente che in passato.

Il P Smart 2019 è un prodotto maneggevole, ben costruito e non troppo ingombrante. Da apprezzare le cornici sottili, ma non al punto da toccare involontariamente lo schermo quando si maneggia. Inoltre, il materiale che riveste il pannello retrostante non è scivoloso, quindi potete usarlo tranquillamente senza una cover. Sul retro c’è l’abituale sensore per le impronte digitali; se preferite potete attivare lo sblocco del sistema mediante riconoscimento facciale. Dalle prime prove che abbiamo fatto quest’ultima caratteristica sembra funzionare bene, almeno in diurna, pur non disponendo di tutti i sensori dei sistemi evoluti come quelli visti sul Mate 20 Pro, sempre di Huawei.

Sempre sul retro troviamo una dual-camera, ossia una fotocamera che sfrutta con sensore principale da 13 Megapixel e uno secondario da 2 Megapixel per la profondità di campo. Non abbiamo ancora avuto modo di fare test approfonditi di questo comparto: troverete tutte le nostre osservazioni nel test completo che pubblicheremo nei prossimi giorni. La prima impressione è positiva; sicuramente è da apprezzare il fatto che il modulo fotografico sporga pochissimo dalla scocca.

Sono presenti all’appello i pulsanti fisici per l’accensione e la regolazione del volume, così come la presa jack per le cuffie, che sarà gradita a chi è abituato a usare gli auricolari mentre ricarica la batteria. Per quest’ultima operazione ci si deve affidare alla porta micro-USB anziché alla più moderna USB-C. Una scelta non proprio al passo con i tempi. Da apprezzare invece il sistema operativo Android 9 personalizzato con l’interfaccia EMUI 9, che mette a disposizione tutte le più recenti funzionalità software di Huawei.

Il prezzo di 249 euro è buono considerata la dotazione, e mette il P Smart 2019 in rotta di collisione con i Redmi Note 7 e Note 7 Pro annunciati da Xiaomi, battuti sul tempo per quel che riguarda la disponibilità. Oltre tutto è probabile che la quotazione si abbassi nel corso dei mesi, come accade quasi sempre con gli smartphone Android. A chi decidesse di acquistare questo prodotto, Huawei offre in omaggio uno speaker Bluetooth SoundStone e un codice del valore commerciale di 50 euro per Huawei Video, il servizio di streaming dell’azienda cinese. Per ottenerli è sufficiente registrarsi su huaweipromo.it.

Se il P Smart 2019 vi interessa, prima di correre ad acquistarlo aspettate di leggere la nostra recensione completa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Per rintracciare un criminale basta il ‘numero di telaio’ del suo smartphone. Vi spiego come si fa

prev
Articolo Successivo

Verde G690 è il tapis roulant che produce energia elettrica mentre ci si allena

next