Quando nasce un bebè, in tutte le famiglie si fanno decine e decine di foto e video per fissare quei momenti che passano veloci e non tornano. Parliamo delle prime fasi di crescita del piccolo, con i progressi che compie giorno per giorno. Manca però un tassello. Finora non viene documentato il punto di vista del bambino, cioè quello che il bebè vede dalla sua prospettiva. Ci ha  ha pensato una startup francese, che ha presentato Babeyes al Consumer Electronic Show di Las Vegas. Si tratta di una telecamera HD che registra sequenze video di massimo 20 secondi, per un massimo di due ore con una singola carica, e che si attacca sui vestitini del piccolo con un adesivo.

Le immagini non riprendono il bambino stesso, ma chi gli sta attorno: genitori, parenti e tutto quello con cui il piccolo interagisce. In pratica, fornisce un punto di vista differente, che il bambino potrà riscoprire in futuro, vedendo come lo guardavano mamma e papà, per esempio. Quello su cui fa leva Babeyes quindi non è ritrarre il bambino, che è un’abitudine diffusa, ma dargli la possibilità di rivivere momenti della prima infanzia di cui non ha memoria una volta cresciuto.

Usare Babeyes è semplice, perché terminata la sessione di registrazione automatica basta trasferire le immagini sul computer tramite cavo e archiviarle. Per motivi di sicurezza e di privacy non sono supportate reti wireless di alcun tipo. Il software a corredo passa al setaccio i video non elaborati e identifica i volti umani delle persone con cui il bambino ha interagito, permettendo di taggarli.

Per chi lo desiderasse, questo prodotto è in vendita dal sito ufficiale dell’azienda al prezzo di 139 dollari, e le consegne inizieranno dalla fine di gennaio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gli smartphone con riconoscimento facciale non sono tutti uguali, la tecnologia può fare la differenza sulla sicurezza

prev
Articolo Successivo

LG 32UL950 è il monitor 4K da 32 pollici per i grafici professionisti

next