L’ex pugile Christophe Dettinger, sospettato di aver aggredito due gendarmi a Parigi sabato durante una manifestazione dei gilet gialli, è attualmente sotto custodia. Lo ha reso noto su Twitter il ministro degli Interni Christophe Castaner. “L’individuo che sabato ha attaccato violentemente i gendarmi sul ponte di Senghor si è consegnato alla polizia di Parigi”, ha scritto Castaner sul suo account. “E’ stato immediatamente preso in custodia e dovrà rispondere delle sue azioni in tribunale”. Ai due gendarmi, la cui aggressione filmata sabato sul ponte Léopold-Sédar-Senghor ha provocato un’ondata di indignazione, sono stati prescritti rispettivamente 15 giorni e due giorni di prognosi e hanno presentato una denuncia. In una dichiarazione rilasciata domenica, la Federazione di boxe francese ha denunciato “comportamenti inaccettabili e vergognosi” e la violenza “totalmente contraria ai valori sostenuti dalla nostra disciplina” e ha inviato il suo sostegno “a tutte le forze dell’ordine”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caro Bolsonaro, gli indigeni sono le radici dell’umanità. Un patrimonio che non possiamo perdere

next
Articolo Successivo

Siria, morto Giovanni Francesco Asperti. Il 50enne italiano combatteva contro l’Isis al fianco delle milizie curde

next