L’ex pugile Christophe Dettinger, sospettato di aver aggredito due gendarmi a Parigi sabato durante una manifestazione dei gilet gialli, è attualmente sotto custodia. Lo ha reso noto su Twitter il ministro degli Interni Christophe Castaner. “L’individuo che sabato ha attaccato violentemente i gendarmi sul ponte di Senghor si è consegnato alla polizia di Parigi”, ha scritto Castaner sul suo account. “E’ stato immediatamente preso in custodia e dovrà rispondere delle sue azioni in tribunale”. Ai due gendarmi, la cui aggressione filmata sabato sul ponte Léopold-Sédar-Senghor ha provocato un’ondata di indignazione, sono stati prescritti rispettivamente 15 giorni e due giorni di prognosi e hanno presentato una denuncia. In una dichiarazione rilasciata domenica, la Federazione di boxe francese ha denunciato “comportamenti inaccettabili e vergognosi” e la violenza “totalmente contraria ai valori sostenuti dalla nostra disciplina” e ha inviato il suo sostegno “a tutte le forze dell’ordine”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caro Bolsonaro, gli indigeni sono le radici dell’umanità. Un patrimonio che non possiamo perdere

prev
Articolo Successivo

Siria, morto Giovanni Francesco Asperti. Il 50enne italiano combatteva contro l’Isis al fianco delle milizie curde

next