Le donne riceveranno comunicazione di divorzio via sms direttamente dai tribunali a partire da oggi. È questa la nuova norma del ministero della giustizia dell’Arabia Saudita – voluta dal principe ereditario Mohammad Bin Salman per modernizzare la società araba – per mettere fine ai cosiddetti “divorzi segreti“, ovvero i casi in cui i mariti mettevano fine al matrimoni senza comunicarlo alle loro mogli.

Come riferito all’avvocata saudita Nisreen al-Ghamdi, la nuova misura garantirà che alle donne vengano riconosciuti i loro diritti, compreso quello agli alimenti, una volta divorziate. Citato dalla Saudi Gazette, l’avvocata divorzista, Somayya Al-Hindi, ha inoltre dichiarato che la nuova procedura “metterà fine a ogni tentativo di imbrogliare o impadronirsi dell’identità delle donne per assumere il controllo dei loro conti bancari e proprietà, usando procure precedentemente emesse”.

Una svolta sociale che segue quella, di un anno fa, che mise fine al divieto per le donne di guidare. Ancora molte, però, restano nel paese le limitazioni ai diritti delle cittadine, in primis l’impossibilità di prendere decisioni importanti senza l’autorizzazione di una figura maschile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sea Watch, Papa ai leader Ue: “Concreta solidarietà per i 49 migranti”. Arcivescovo Torino: “Noi pronti ad accoglierli”

prev
Articolo Successivo

‘Ma lì c’è Spiderman? Bello avere un amico dall’altra parte del mondo’. Il ponte di 300 bimbi che si scrivono tra i continenti

next