Tre morti e quattro feriti. È quanto ha annunciato la polizia di Torrance (California), intervenuta nella sala bowling “Gable House Bowl” a seguito della sparatoria avvenuta nelle prime ore della notte tra venerdì e sabato. Secondo quanto riferisce l’Abc, citando fonti di polizia, delle quattro persone rimaste ferite, due sono state trasportate in ospedale. In un tweet la polizia locale ha raccomandato ai cittadini di tenersi alla larga dalla zona. Torrance si trova sulla costa californiana nell’area metropolitana di Los Angeles.

Secondo quanto riferisce un testimone la sparatoria è stata innescata da una mega-rissa tra gruppi di giocatori. Le autorità non hanno reso nota la dinamica dello scontro a fuoco ma Wes Hamad, un 29enne di Torrance che era lì con la sua nipotina di nove anni e un cugino ha detto di aver visto una “enorme rissa“. Al quel punto, continua l’uomo, “ho afferrato mia nipote e ho iniziato a correre verso il muro in fondo alla sala da bowling” e “mentre correvamo abbiamo udito una quindicina di spari“. “Ci siamo nascosti dietro al bar. Abbiamo sentito che c’era stata una grossa rissa prima dei colpi” afferma invece Jesus Perez, citato dal Los Angeles Times. Un altro testimone ha confermato di aver “sentito nove spari”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tav, Bloomberg: “L’analisi costi-benefici boccerà il progetto perché insostenibile”. Toninelli: “Non è ancora completata”

next
Articolo Successivo

California, urla e paura nel bowling: il video subito dopo la sparatoria fatto da un testimone

next