“Buonanotte a tutti, ho 75 anni e chiamo da Roma. Non riuscivo a dormire, ho acceso la radio. Mi ha emozionato sentire Rocco Siffredi, i suoi film li guardavo sempre con mio marito, che ora è morto. Oh, Siffredi ha delle dimensioni veramente incredibili. Era divertente con mio marito guardare i suoi film mentre facevamo l’amore. Il marito non soffriva il confronto con lui e comunque io non ho mai trovato in vita mia qualcuno con dimensioni simili“. Inizia così la telefonata che una “nonna porno” ha fatto la notte 2 gennaio alla trasmissione “I Lunatici” di Rai Radio2. Prima di lei era intervenuto Rocco Siffredi, che aveva parlato della solitudine in cui si ritrova chi di mestiere fa il porno attore: proprio lui è stato da spunto per l’arzilla vecchietta che ha raccontato ai conduttori Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio i suoi trascorsi di gioventù.

“Io e mio marito eravamo una coppia aperta. Io andavo con altri, lui andava con altre, non siamo mai stati gelosi”, ha ricordato la donna che si è lasciata andare e ha rivelato alcuni dettagli “piccanti” del suo passato: “Anzi, spesso facevamo scambi di coppia in un periodo in cui non erano di moda. Io portavo spesso a casa delle mie amiche affinché lui ci facesse l’amore e io potessi guardare. Ne abbiamo fatte di cotte e di crude insieme, non c’erano limiti tra di noi. Mi piaceva tantissimo vederlo mentre possedeva altre donne. Ora è morto e mi manca tanto. Non ho mai amato nessuno come lui. Adesso cerco qualcuno che mi faccia compagnia, romantico, che parli con me di tanti argomenti, ma alla mia età chiedo solo che mi porti al cinema o a mangiare un gelato. Il tempo delle follie è finito”, ha concluso l’anziana signora.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ornella Muti torna in tv ma scoppia la polemica per il bacio gay su Rai1. Adinolfi: “Porcherie in prima serata”

prev
Articolo Successivo

Pino Daniele, il ricordo della figlia Sara: “Quattro anni senza di te, papà meraviglioso”

next