“Buonanotte a tutti, ho 75 anni e chiamo da Roma. Non riuscivo a dormire, ho acceso la radio. Mi ha emozionato sentire Rocco Siffredi, i suoi film li guardavo sempre con mio marito, che ora è morto. Oh, Siffredi ha delle dimensioni veramente incredibili. Era divertente con mio marito guardare i suoi film mentre facevamo l’amore. Il marito non soffriva il confronto con lui e comunque io non ho mai trovato in vita mia qualcuno con dimensioni simili“. Inizia così la telefonata che una “nonna porno” ha fatto la notte 2 gennaio alla trasmissione “I Lunatici” di Rai Radio2. Prima di lei era intervenuto Rocco Siffredi, che aveva parlato della solitudine in cui si ritrova chi di mestiere fa il porno attore: proprio lui è stato da spunto per l’arzilla vecchietta che ha raccontato ai conduttori Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio i suoi trascorsi di gioventù.

“Io e mio marito eravamo una coppia aperta. Io andavo con altri, lui andava con altre, non siamo mai stati gelosi”, ha ricordato la donna che si è lasciata andare e ha rivelato alcuni dettagli “piccanti” del suo passato: “Anzi, spesso facevamo scambi di coppia in un periodo in cui non erano di moda. Io portavo spesso a casa delle mie amiche affinché lui ci facesse l’amore e io potessi guardare. Ne abbiamo fatte di cotte e di crude insieme, non c’erano limiti tra di noi. Mi piaceva tantissimo vederlo mentre possedeva altre donne. Ora è morto e mi manca tanto. Non ho mai amato nessuno come lui. Adesso cerco qualcuno che mi faccia compagnia, romantico, che parli con me di tanti argomenti, ma alla mia età chiedo solo che mi porti al cinema o a mangiare un gelato. Il tempo delle follie è finito”, ha concluso l’anziana signora.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ornella Muti torna in tv ma scoppia la polemica per il bacio gay su Rai1. Adinolfi: “Porcherie in prima serata”

next
Articolo Successivo

Pino Daniele, il ricordo della figlia Sara: “Quattro anni senza di te, papà meraviglioso”

next