“La mia posizione non è quella di chi vuole violare la legge ma è quella di voler mettere in luce tutti i limiti e le distorsioni di una legge che produce un risultato opposto a quello che dichiara ovvero produce più insicurezze e clandestini nelle nostre città”. Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella, nella sede dell’Anci a Roma. “Spero che avvenga al più presto un confronto con il premier Conte, sono contento della disponibilità che ha dato perché i sindaci partono dall’esperienza quotidiana e possono mettere sul tavolo punti che devono essere riscritti. Secondo Salvini siamo incapaci? Ho già parlato troppo di lui, faccia il ministro io faccio il sindaco”, ha aggiunto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dl Sicurezza, Rizzo (Pc): “Protesta sindaci su porti? Fuffa di pseudosinistra”. E a Roggiani (Pd): “Il popolo vi odia”

prev
Articolo Successivo

Decreto Sicurezza, Bagnasco: “Sindaci? L’obiezione di coscienza è un principio riconosciuto”

next