È stato arrestato dalla polizia francese – vicino a Place dell’Opera – Eric Drouet, uno dei leader delle dimostrazioni antigovernative dei “gilet gialli“. Come riportano i media francesi, citando fonti della polizia, l’uomo è stato messo sotto custodia nella serata di mercoledì 2 gennaio per aver cercato di organizzare una protesta non autorizzata nel centro di Parigi.

Secondo quanto spiegano le fonti di polizia, Drouet è stato arrestato mentre si dirigeva verso gli Champs-Elysees, dove una dozzina di manifestanti lo stavano attendendo fuori da un locale vicino all’Arco di Trionfo. Si tratta del secondo arresto per il 30enne francese dall’inizio delle proteste: era già stato fermato infatti il mese scorso per “possesso di arma vietata“.

Eric Drouet è considerato uno degli ispiratori delle proteste dei “gilet gialli” che hanno messo a ferro e fuoco la Francia per cinque settimane, dalla metà di novembre alla fine di dicembre 2018. Scontri con la polizia e manifestazioni che hanno caratterizzato tutto il territorio transalpino, dalle grandi metropoli fino alle campagne, costringendo  il presidente Macron a promettere un aumento del salario minimo e a detassare gli straordinari da gennaio 2019.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nord Corea, diserta ambasciatore in Italia “Ha chiesto asilo in un Paese occidentale”

prev
Articolo Successivo

Yemen, nel Paese devastato dalla guerra la letteratura non smette di stupire

next