Dopo la vittoria di venerdì in discesa libera, Dominik Paris trionfa anche nel SuperG di Bormio, al termine di una gara tirata che ha visto l’azzurro prevalere per un centesimo sull’austriaco Mayer. Terzo gradino del podio invece per il norvegese Aleksander Aamodt Kilde, a 46 centesimi. Sceso con il pettorale numero 16, il 29enne di Merano è stato protagonista di una prestazione eccezionale, chiusa con il tempo di 1’29″95. Dopo aver commesso un errore nella parte iniziale del tracciato, Paris è riuscito a recuperare con una parte centrale e finale di grande livello che gli ha permesso di centrare, per la prima volta in carriera, due vittorie consecutive. Per lui sono undici i successi e ventisei i podi in carriera in Coppa del mondo.

“Sono stati due giorni fantastici” ha dichiarato entusiasta al termine della gara: “Non ho parole, era un gran sogno fare due vittorie di fila in un weekend di gare e si è realizzato. Vincere davanti ai tifosi italiani su una pista così difficile vuol dire tantissimo. A me piace questa pista – ha proseguito l’azzurro – e qui si vede lo sciatore completo. Devi essere bravo, tecnicamente e tatticamente forte. Devi sciare con la testa perché non si può rischiare o solo andare a tutta mettendosi in posizione”.

Prossima gara per il classe ’89 di Merano, la difficile pista di Kitzbuehel: “Sicuramente è difficile, è un’altra gara e speriamo di arrivarci bene. Sta funzionando tutto ma devo essere concentrato. Poi a fine stagione si possono tirare le somme”. Niente da fare invece per Christof Innerhofer, partito con il pettorale numero 1, uscito poco dopo metà gara.