È attraccata venerdì mattina nel porto di Crinavis, a poca distanza dalla città di Algeciras, in Spagna, la nave dell’ong Proactiva Open Arms con a bordo 311 migranti soccorsi il 21 dicembre scorso nel Mediterraneo, di fronte alle coste libiche. Delle persone a bordo, 139 sono minorenni. Dopo il no di Malta, Francia, Tunisia e dell’Italia, sabato scorso la Spagna aveva autorizzato l’attracco della nave nei porti spagnoli. Ora i migranti verranno trasferiti in un Centro de Atención Temporal a Extranjeros. Malta aveva autorizzato lo sbarco solo di una donna e del suo neonato, che era stato partorito su una spiaggia libica, mentre a Lampedusa era stato accolto un ragazzo di 14 anni affetto da una grave infezione della pelle che viaggiava da solo. 

Ad accogliere i migranti oltre agli agenti della polizia nazionale vi sono i volontari della Croce Rossa e di Save The Children. I volontari di quest’ultima si occuperanno in modo particolare dei 139 minori che si trovano a bordo della nave e che saranno ospitati in comunità della zona. Ancora non è stato stabilito quanti di loro non sono accompagnati. I migranti vengono in maggioranza dalla Costa d’Avorio, Mali, Somalia e Sudan.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Aggressività, serve una nuova forma di educazione. Ma forse la violenza fa parte dell’essere umano

prev
Articolo Successivo

Onu, la politica estera in Italia ha bisogno di coesione. Mostrare i muscoli non serve a nulla

next