Il report di Aci-Istat fa sapere che nei primi sei mesi dell’anno sono stati 82.942 gli incidenti stradali registrati, 1.480 le vittime e 116.560 i feriti. Numeri ancora impressionanti, ma che sono in netto calo rispetto a quelli dello stesso semestre dello scorso anno: -8% dei morti e -3% dei feriti.

Questo a fronte di un incremento degli spostamenti su autostrade in concessione, con un +0,1% dei veicoli leggeri e +3,2% di quelli pesanti. Ma è proprio sulle autostrade che si registra l’andamento migliore, con un importante calo dei decessi del -15,7%, che sulle strade urbane si è attestato sul -8,3% e -7% su quelle extraurbane.

Cosa va a determinare maggiormente gli incidenti stradali? La prima risposta sembra quasi scontata: è l’uso del cellulare. Ma sono ancora chiamati in causa l’inutilizzo delle cinture di sicurezza e l’alta velocità. Solo per l’utilizzo del cellulare, le contravvenzioni effettuate dalla polizia stradale fino a giugno 2018 sono state 21.766; 255.809 per eccesso di velocità e quasi 48 mila per non aver usato le cinture di sicurezza.

Pure se i numeri del primo semestre in qualche modo confortano, di certo sono ancora lontani dall’obiettivo che si è posta l’Europa, ovvero ridurre gli incidenti del 50% entro il 2020, mentre il tasso di mortalità è calato del 55% in diciotto anni.

Non si può essere neanche troppo ottimisti per via dei dati che riguarderanno il periodo luglio-dicembre. Ogni anno, infatti, il secondo semestre registra sempre più incidenti e anche più vittime (+13%) e feriti (+4%) rispetto al primo a causa del flusso di spostamenti del periodo estivo: quello di quest’anno particolarmente difficile, aggravato dalla tragedia del ponte Morandi di Genova.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ecotassa ed ecobonus, ecco tutti i modelli che ne beneficeranno. E quelli colpiti

next