La manovra è in dirittura d’arrivo, almeno nelle intenzioni del governo. Il reddito di cittadinanza e la quota 100 per la riforma delle pensioni arriveranno per decreto all’inizio del 2019 e tra le due anime del governo continua la dialettica sui principali temi in gioco. “Non sono tra quelli che sostengono che esce un pensionato ed entra un lavoratore nuovo”, ha detto il sottosegretario alla presidenza del consiglio, Giancarlo Giorgetti, parlando in conferenza stampa alla sede della stampa estera, riferendosi alla quota 100. Una posizione diversa da quella espressa solo il 10 ottobre da Luigi Di Maio: “Con la riforma ci sarà più di un’assunzione per ogni pensionato”, aveva detto quel giorno il vicepremier dopo la cabina di regia con le partecipate di Stato.

Quello che negli ambienti politici viene definito “il Richelieu di Palazzo Chigi” è tornato anche sull’argomento del Tav. Soltanto mercoledì il ministro del Trasporti Danilo Toninelli aveva definito la linea dell’Alta Velocità tra Torino e Lione “un enorme spreco di denaro pubblico. A 24 ore di distanza Giorgetti specifica la posizione del Carroccio: noi come Lega “rappresentiamo l’anima che vuole fare queste grandi opere – ha spiegato il sottosegretario – Nel contratto di governo avevamo raggiunto un accordo affinché fossero monitorate tramite un’analisi costi-benefici. Io tifo affinché l’opera vada avanti, ma prenderemo atto dei risultati di questo tipo di analisi”.

Con l’accordo sulla manovra che ha scongiurato anche l’apertura della procedura di infrazione da parte dell’Ue, Giorgetti trova anche il modo di tessere le lodi del ministro dell’Economia Giovanni Tria, che per mesi ha lavorato tra l’incudine del M5s e il martello della Lega: “Tria frenava continuamente, gli altri acceleravano. Faceva bene a frenare, perché in Formula 1 un bolide che va a 240 all’ora in curva va a sbattere”, ha risposto il numero due di Palazzo Chigi a chi gli chiedeva del ruolo del titolare del Mef nella trattativa con Bruxelles. “Quello bravo è quello che frena all’ultimo“, ha concluso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sondaggi: Lega resta primo partito ma cala (31,4%), mentre il M5s sale al 27,9%. Accordo con Ue percepito come vittoria

next
Articolo Successivo

Angelo Tofalo indossa la tuta da Top Gun e annuncia: l’F-35 è irrinunciabile

next