Questa mattina a Torino è ripreso lo sgombero delle cantine dell’Ex Moi di Torino, una delle più grandi occupazioni italiane. Le operazioni hanno riguardato gli scantinati dove vivevano una sessantina di persone che verranno ricollocate in altre abitazioni. Si tratta della prima fase del progetto di “sgombero dolce” fortemente voluto sia dalla sindaca di Torino Chiara Appendino sia dal ministro Matteo Salvini che dovrebbe riguardare l’intero complesso. Ma il comitato di solidarietà ai rifugiati e ai migranti punta il dito contro l’ipocrisia di questo governo che “da un lato butta la gente in strada a causa del decreto di sicurezza e dall’altro sgombera posti come questo”. Una situazione che agli attivisti del Comitato ricorda quella del 2013: “C’è un parallelismo molto forte: nel 2013 il governo chiuse da un giorno all’altro l’Emergenza Nordafrica e molte persone si ritrovarono in strada, la stessa situazione che stiamo vivendo oggi”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bari, arrestato presunto terrorista somalo. Intercettato diceva: “Mettiamo bombe a tutte le chiese d’Italia”

prev
Articolo Successivo

Milano, insulti e sputi al sindaco Sala: “Vattene. Sei un pezzo di m…”. Lui: “Centri sociali e illegalità vanno distinti”

next