L’urna di Nyon è agrodolce per le squadre italiane. La Juventus affronterà l’Atletico Madrid negli ottavi di finale di Champions League, mentre il sorteggio è stato più fortunato per la Roma, inserita in seconda fascia, che ha pescato il Porto.

La squadra di Massimiliano Allegri se la dovrà vedere contro gli uomini del Cholo Simeone, giocando fuori casa la gara d’andata (in programma il 12/23 e 19/20 febbraio) e quella di ritorno in casa (5/6 o 12/13 marzo). Percorso inverso, invece, per i giallorossi di Eusebio Di Francesco.

I Colchoneros sono arrivati  secondi nel girone vinto dal Borussia Dortmund per differenza reti: entrambi avevano conquistato 13 punti, ma i tedeschi hanno prevalso avendo vinto uno degli scontri diretti per 4-0 perdendo l’altro con due gol di scarto. “Abbiamo preso la più forte delle secondi, ma non c’è alcun problema. Non abbiano avuto fortuna nei sorteggi ma abbiamo una squadra forte per passare il turno”, è stato il commento del vice-presidente juventino, Pavel Nedved. “L’Atletico è una squadra molto equilibrata, sono difficili da affrontare perché hanno una difesa forte e sanno darti fastidio davanti con Griezmann e altri. Prevedo due sfide equilibrate ma senza tantissimi gol”, ha concluso.

Il Porto, avversario della Roma, ha invece vinto il girone considerato “materasso” con Schalke, Galatasaray e Lokomotiv Mosca. I lusitani, allenati da Sergio Conceição, hanno vinto 5 partite e ne hanno pareggiata una segnando 15 gol (terzo attacco della fase a gironi) e subendone appena 6. “Miglior sorteggio possibile? Siamo stati abbastanza fortunati vedendo le altre squadre, ma non dobbiamo sottovalutare il Porto”, è stato il commento dell’ex capitano Francesco Totti. Una squadra “impegnativa, forte” che “ha fatto un girone di Champions di primissimo livello”, ha aggiunto.

Ecco tutti gli altri accoppiamenti:

Schalke 04-Manchester City

Manchester United-Psg

Tottenham-Borussia Dortmund

Lione-Barcellona

Ajax-Real Madrid

Liverpool-Bayern Monaco

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Champions League, la Juventus perde ma passa agli ottavi come prima. Sconfitta indolore pure per la Roma: ora le urne

prev
Articolo Successivo

Atletico Madrid – Juventus 2 a 0: non basta il Var. Bianconeri sconfitti in Spagna

next