La prossima settimana la Spagna approva l’aumento del salario minimo mensile, che sale del 22% e dal 2019 arriva a 1.050 euro. Ad annunciare l’aumento “più grande dal 1977” è il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez. La proposta, ha detto al Parlamento, sarà discussa nella riunione di gabinetto fissata a Barcellona per il 21 dicembre. Già a ottobre Sanchez e Pablo Iglesias, leader di Podemos, avevano firmato un accordo sui Presupuestos, la legge di Bilancio per il 2019, che potrebbe trasformarsi in un’alleanza fino a fine legislatura. E al suo interno era già contenuto l’aumento del salario minimo interprofessionale (Smi) da 735,90 a 900 euro mensili. La richiesta di Podemos era di arrivare a mille euro: un obiettivo che l’annuncio di Sanchez ora centra in pieno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentato Strasburgo, la diretta. Tre morti, è caccia all’uomo: si cerca 29enne radicalizzato. Killer è fuggito in taxi

next
Articolo Successivo

Huawei, rilasciata su cauzione direttrice finanziaria Meng Wanzhou. Trump: “Intervengo se serve in accordi con Cina”

next