La prossima settimana la Spagna approva l’aumento del salario minimo mensile, che sale del 22% e dal 2019 arriva a 1.050 euro. Ad annunciare l’aumento “più grande dal 1977” è il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez. La proposta, ha detto al Parlamento, sarà discussa nella riunione di gabinetto fissata a Barcellona per il 21 dicembre. Già a ottobre Sanchez e Pablo Iglesias, leader di Podemos, avevano firmato un accordo sui Presupuestos, la legge di Bilancio per il 2019, che potrebbe trasformarsi in un’alleanza fino a fine legislatura. E al suo interno era già contenuto l’aumento del salario minimo interprofessionale (Smi) da 735,90 a 900 euro mensili. La richiesta di Podemos era di arrivare a mille euro: un obiettivo che l’annuncio di Sanchez ora centra in pieno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentato Strasburgo, la diretta. Tre morti, è caccia all’uomo: si cerca 29enne radicalizzato. Killer è fuggito in taxi

next
Articolo Successivo

Huawei, rilasciata su cauzione direttrice finanziaria Meng Wanzhou. Trump: “Intervengo se serve in accordi con Cina”

next