Dopo le parole del ministro Tria, secondo cui sarebbe preferibile una riduzione del deficit per evitare la procedura d’infrazione, è stato il vicepremier Di Maio a replicare: “Le prossime 24-48 ore nell’interlocuzione con l’Europa sono cruciali. Il tema non è il deficit: l’obiettivo è mantenere le promesse ed evitare la procedura di infrazione. I mercati sono preoccupati e anche dal governo c’è tutta l’attenzione del caso. Ma siamo soddisfatti perché su reddito e pensioni la manovra non cambia”.

In merito alle promesse fatte dal presidente francese Macron, dopo la protesta dei ‘gilet gialli’, Di Maio ha rivendicato: “Mi aspetto, se le regole sul deficit/pil valgono per tutti, che la Commissione europea accenda un faro anche sulla Francia“. E ancora: “Secondo i nostri calcoli gli interventi annunciati da Macron non si sposano con il rapporto deficit/Pil annunciato: quindi, dovranno per forza aumentare il deficit e si aprirà anche un caso Francia, se le regole valgono per tutti, anche se noi non lo speriamo”, ha concluso Di Maio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tav, Di Maio e Toninelli: “Referendum? Dovrebbero chiederlo i cittadini”. Appendino: “Prima analisi costi-benefici”

prev
Articolo Successivo

Fondi Lega, Di Maio: “Salvini non minimizzi il caso Centemero”. Capigruppo M5s: “Il Carroccio fornisca chiarimenti”

next