La missione Unifil in Libano “è una delle missioni di pace più importanti che abbiamo nel mondo e soprattutto, come M5S, abbiamo sempre citato quella missione di pace come vero modello di missione super partes. Quello che si doveva dire sulla vicenda l’ha detto il ministero della Difesa. Io mando solo un grande abbraccio ai militari che sono lì. Gli dico di tenere duro e di andare avanti”. Così il vicepremier Luigi Di Maio, dissociandosi di fatto dalle parole di Matteo Salvini su Hezbollah, definiti come “terroristi islamici” dal ministro dell’Interno. Parole che avevano provocato la reazione preoccupata del ministero della Difesa, con le fonti del ministero che avevano ricordato il ruolo “super partes” della missione, “vicini a Israele e al popolo libanese”, “sempre riconosciuto nell’area”.  “Mando un abbraccio ai soldati, tengano duro”, ha concluso Di Maio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Fondi Lega, Di Maio: “Salvini ha già minimizzato? Chiederò chiarimenti in privato, non lo faccio con la stampa”

next
Articolo Successivo

Attentato Strasburgo, Salvini: “Massima attenzione. Arresto immediato anche degli infami che esultano online”

next