È stato fermato dai carabinieri con l’accusa di violenza sessuale aggravata nei confronti di una paziente, un infermiere in servizio presso l’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, in provincia di Foggia. L’interrogatorio di garanzia avanti al Gip del Tribunale di Foggia Carmen Corvino ha confermato la misura degli arresti domiciliari. L’uomo, 50 anni, è stato licenziato dopo un periodo di sospensione dal lavoro.

Secondo i carabinieri, l’episodio è avvenuto circa un mese fa. La vittima, subita la violenza, ha raccontato tutto ai medici che hanno informato immediatamente le autorità. Dalle ricostruzioni degli inquirenti, la donna durante la degenza ha subito una “pratica sanitaria molto invasiva da parte dell’operatore”. La vittima veniva da un intervento chirurgico subito pochi prima. Fondamentale la collaborazione da parte del personale dell’ospedale voluta da Padre Pio. Come riporta l’edizione di Bari de La Repubblica, al momento solo un caso è stato accertato a carico dell’uomo, ma non se ne escludono altri.

Dichiaratosi innocente l’uomo, per bocca del suo legale Pasquale Rinaldi, ha annunciato che farà “ricorso al Tribunale del Riesame” contro il licenziamento. “La versione dei fatti raccontata durante l’interrogatorio di garanzia – continua l’avvocato Rinaldi – coincide perfettamente con quella già fornita 40 giorni fa davanti ai vertici di Casa Sollievo della Sofferenza nel corso dell’udienza per il provvedimento disciplinare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Algeria: beati 19 religiosi vittime della guerra tra islamisti e governo. Tra loro i monaci di “Uomini di Dio”

next
Articolo Successivo

Milano, i centri sociali alla prima della Scala. Lanci di vernice e ortaggi: “Gilet gialli? Guardiamo con ammirazione”

next