Anche Fitch ha tagliato le stime di crescita dell’Italia per l’anno in corso e per il 2019. Ma l’agenzia di rating resta molto più ottimista rispetto a Goldman Sachs, per l’anno prossimo si attende un risicato +0,4%. Fitch ha limato dall’1,2% all’1% la previsione per il 2018 e dall’1,2% all’1,1% nel 2019, alla luce della “incertezza politica domestica” e dei “timori per il commercio globale”. Nel Global Economic Outlook il gruppo esprime dubbi sul fatto che l’allentamento fiscale possa spingere il pil nel 2019, sia “per le incertezze sui dettagli dell’implementazione” che “per i probabili bassi impatti moltiplicatori di alcune misure”. Il governo nella Nota di aggiornamento al Def ha indicato per il prossimo anno una previsione di +1,5% rispetto allo 0,9% tendenziale, scommettendo che la manovra avrà un impatto positivo di 0,6 punti sulla crescita.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Manovra, la cancellazione del vincolo sui fondi sanitari per gli stranieri è chiesta dalle Regioni: “Per disporre delle risorse”

prev
Articolo Successivo

Facebook, multe da Agcm per 10 milioni. “Induce a registrarsi senza informare adeguatamente su raccolta e uso dati”

next