Anche Fitch ha tagliato le stime di crescita dell’Italia per l’anno in corso e per il 2019. Ma l’agenzia di rating resta molto più ottimista rispetto a Goldman Sachs, per l’anno prossimo si attende un risicato +0,4%. Fitch ha limato dall’1,2% all’1% la previsione per il 2018 e dall’1,2% all’1,1% nel 2019, alla luce della “incertezza politica domestica” e dei “timori per il commercio globale”. Nel Global Economic Outlook il gruppo esprime dubbi sul fatto che l’allentamento fiscale possa spingere il pil nel 2019, sia “per le incertezze sui dettagli dell’implementazione” che “per i probabili bassi impatti moltiplicatori di alcune misure”. Il governo nella Nota di aggiornamento al Def ha indicato per il prossimo anno una previsione di +1,5% rispetto allo 0,9% tendenziale, scommettendo che la manovra avrà un impatto positivo di 0,6 punti sulla crescita.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manovra, la cancellazione del vincolo sui fondi sanitari per gli stranieri è chiesta dalle Regioni: “Per disporre delle risorse”

next
Articolo Successivo

Facebook, multe da Agcm per 10 milioni. “Induce a registrarsi senza informare adeguatamente su raccolta e uso dati”

next