Oltre 140 balene pilota, o globicefale, sono morte dopo essersi arenate in una spiaggia remota della Nuova Zelanda. Il Dipartimento della conservazione è stato allertato allo spiaggiamento sabato notte e metà delle balene erano già morte quando sono state trovate, ha detto il direttore delle operazioni del dipartimento Ren Leppens. “Purtroppo le probabilità di riportare in mare con successo le balene rimanenti erano estremamente basse”, ha detto Leppens. “La località remota, la mancanza di personale disponibile e le condizioni peggioranti dei cetacei hanno fatto sì che il trattamento più umano è stata l’eutanasia. Tuttavia è sempre una decisione straziante”. Leppens ha aggiunto che durante il fine settimana un gruppo di dieci balene pigmee, dette ferese, si sono arenate in un’altra spiaggia, mentre vi sono stati altri due casi di spiaggiamenti di singole balene. “È improbabile che i casi siano collegati, ma gli spiaggiamenti sono “relativamente comuni” in Nuova Zelanda

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Carovana migranti, Trump: “Se necessario chiudiamo confine in modo permanente. Ora il Messico li rimpatri, sono criminali”

next