C’è anche una bambina 15 giorni partorita in Libia e con ancora tracce di sangue sul corpicino tra i 264 migranti sbarcati sabato sera a Pozzallo, in Sicilia. La madre, che ha solo 19 anni,  ha raccontato ai soccorritori di esser stata violentata durante la permanenza in un campo di detenzione libico e di aver partorito da sola, in un hangar. L’imbarcazione è stata scortata nel porto dalle motovedette italiane dopo che nel pomeriggio era stata intercettata nelle acque della zona Sar maltese ma le autorità de La Valletta non solo non erano intervenute, ma avevano invertito la rotta. Malta aveva infatti preso il coordinamento delle operazioni di soccorso, “ma come al solito sta cercando di rifilare gli immigrati al nostro Paese“, ha accusato il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini, che ha commentato così l’accaduto: “Malta si conferma vergognosa, degna di questa Unione europea incapace e dannosa. Chissà se a Bruxelles sprecheranno inchiostro per mandare letterine di richiamo anche a La Valletta”.

Tra le persone sbarcate ci sono 37 minori (di cui 5 neonati) e quasi 50 donne, tutti di origine eritrea. La polizia ha già individuato i due scafisti, un libico e un tunisino. “Sono stati in mare per 3 giorni senza cibo né acqua, è un miracolo che siano vivi”, ha commentato l’agenzia Onu per i rifugiati in un tweet, precisando che sono partiti da “Misurata Libia il 22/11 e che per 1-2 anni sono stati tenuti nelle prigioni dei trafficanti” e sono “sopravvissuti a torture, abusi, malnutrizione con un riscatto pagato più volte”. Adesso i migranti sono stati portati “tutti all’hot spot” e “i neonati e le donne incinte sono state visitate”, ha spiegato il sindaco di Pozzallo, Roberto Ammatuna, a Skytg24, raccontando di “momenti di grande incertezza” all’arrivo del barcone, “non si sapeva se potevano sbarcare e avvicinarsi in banchina. Poi è arrivato l’ordine di far scendere donne e bambini. Verso le 23 l’ordine di farli scendere tutti perché il barcone nel frattempo si era pericolosamente inclinato”. Qualche ora prima, di fronte Crotone, era stato intercettato e scortato in porto un veliero con 79 persone: nella sola giornata di sabato sono sbarcati in Italia oltre 300 migranti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bari, le paure dei vicini del ‘palazzo della morte’: “Anche qui almeno nove casi di cancro. Fiamme e cattivo odore per anni”

prev
Articolo Successivo

Maltempo a Capo di Leuca, la tromba d’aria entra nel ristorante e lo devasta: panico tra i presenti

next