Trecentoventi persone si sono ammalate di cancro dopo essere state assunte da Samsung Electronics e aver lavorato nelle fabbriche di semiconduttori dell’azienda. Di queste 118 sono morte. Ora arrivano le scuse ufficiali da parte della società sudcoreana.

Ci scusiamo sinceramente – ha dichiarato venerdì il co-presidente Kim Ki-nam – con i lavoratori che hanno contratto malattie e con le loro famiglie. Non siamo riusciti a gestire correttamente i rischi per la salute nelle nostre fabbriche di semiconduttori e LCD”. Lo scandalo è emerso nel 2007 quando alcuni ex operai delle fabbriche di Suwon, a sud di Seul, e le loro famiglie hanno comunicato le diagnosi di varie forme di cancro e di diverse morti.

Secondo un accordo annunciato all’inizio di questo mese, l’azienda pagherà un risarcimento fino a 150 milioni di won (133mila dollari) per ogni caso, per coprire sedici tipi di cancro, altre malattie rare, aborti e malattie congenite sofferte dai figli dei lavoratori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Silvia Romano, sbagliato parlare di ingenuità. Quella zona del Kenya non è considerata a rischio

next
Articolo Successivo

Pakistan, bomba al mercato: strage di sciiti. “Almeno 25 morti, decine di feriti”

next