Forse a breve il bollo auto come lo conosciamo ora potrebbe andare in pensione e venire ricalcolato su nuove basi, ovvero quelle dei consumi e delle emissioni prodotte dal veicolo. Questo comporterebbe il “rischio”, per l’Italia, di allinearsi alle colleghe europee come ad esempio Olanda, Germania e Svezia: più si inquina, più si paga.

Tale sembra essere il progetto che il ministro per l’Ambiente Sergio Costa ha in mente per il prossimo anno: niente di ufficiale per il momento, in ciò che Costa ha accennato a seguito dell’incontro per il piano di miglioramento della qualità dell’aria della Capitale e delle zone limitrofe. L’accordo, stipulato tra Governo e Regione prevede, tra le altre cose, il blocco per la circolazione dei diesel Euro 3 a Roma a partire dal primo gennaio 2019; ma la vera novità che il ministro si sarebbe lasciato sfuggire, riguarderebbe proprio un “aggiornamento delle tasse automobilistiche, utilizzando il criterio del bonus-malus”, ragionando quindi come per l’Rc auto, con “buone” e “cattive” classi.

Ciò potrebbe significare due cose: o una tassa diretta, quindi nuovo bollo auto calcolato sulla base delle emissioni di anidride carbonica che il veicolo produce, oppure una tassa indiretta e questo si tradurrebbe in una nuova accisa in più da aggiungere a quelle (mai tagliate, come si prometteva di fare, in campagna elettorale) già presenti sui carburanti. In questo caso, pagherà solo chi realmente consuma e di conseguenza inquina.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brexit, l’uscita hard dell’automotive è già partita. E spaventa i costruttori

next
Articolo Successivo

GM, nel 2019 chiuderà 5 fabbriche in Nord America. E Trump si arrabbia

next