Gli stipendi di ottobre non sono arrivati “per mancanza di liquidità dell’azienda” e il piano promesso dal governo per riportarla sotto il controllo pubblico con l’ingresso di Ferrovie dello Stato, Invitalia e Leonardo (ex Finmeccanica) richiede più tempo del previsto. Così i 161 dipendenti del polo bolognese di Industria Italiana Autobus (cui si aggiungono quelli della sede di Avellino) hanno incrociato le braccia per una giornata intera e indetto un’assemblea. “Di Maio si muova, è tempo di concretizzare“, incalza Bruno Papignani della Fiom, sollecitando il governo ad accelerare la ricapitalizzazione, “Questo toglierebbe l’alibi alla proprietà di minacciare, ancora una volta, il fallimento“. Inoltre, aggiunge il sindacalista “Stefano Del Rosso (ad di Industria Italiana Autobus) paghi gli stipendi. I soldi ci sono. Tper (Trasporto Passeggeri Emilia Romagna) ha versato 645mila euro nei giorni scorsi”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pernigotti, se anche un’azienda di food lascia l’Italia allora siamo al disastro

prev
Articolo Successivo

Industria Italiana Autobus, adesione del 100% allo sciopero: “Paghino stipendi”

next