“Quello che noi abbiamo sempre detto è che c’è una regola dei due mandati. Io non ho in previsione, come capo politico del Movimento di modificare alcuna regola dei due mandati”. Il vicepremier e ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro Luigi di Maio, primo ospite della nuova stagione di “Accordi&Disaccordi”, il talk show politico in onda su Nove tutti i venerdì alle 22.45 e realizzato da Loft Produzioni, chiarisce che, nonostante sia al suo secondo mandato, non ha alcuna intenzione di modificare il codice etico del Movimento cinque stelle per allungare la sua carriera in Parlamento. Il giornalista Luca Sommi, che insieme ad Andrea Scanzi conduce il programma, chiede: “Voi avete il vincolo dei due mandati. Lei è al secondo mandato. Finito questo governo, finisce la carriera politica di rappresentanza di Luigi di Maio, vero?”. Spiega Di Maio: “Questo è un governo che è nato per realizzare un contratto di governo rivoluzionario. Se noi lo realizziamo andremo tutti a vivere in un Paese migliore dopo questo mandato”. Insiste Scanzi: “E lei smette di fare politica?”. Di Maio è lapidario: “Nel senso di tornare alla mia vita legata alle innovazioni e alle nuove tecnologie. Su questo sto investendo molto del mio mandato da ministro dello Sviluppo economico, sulla blockchain, l’intelligenza artificiale“. Interviene ancora Sommi: “Noi ci auguriamo che il governo duri tutto il mandato, però, alla fine di questo mandato lei saluta la politica?”. “Quello che noi abbiamo sempre detto è che c’è una regola dei due mandati. Io non ho in previsione, come capo politico del Movimento di modificare alcuna regola dei due mandati”, conclude Di Maio.

“Accordi&Disaccordi” (5 episodi x 60’) è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay(sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, Sky Canale 145 e Tivùsat Canale 9.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Accordi&Disaccordi, ospite il vicepremier Luigi Di Maio in diretta su Nove venerdì 9 novembre alle 22.45

prev
Articolo Successivo

Accordi&Disaccordi, Di Maio su Nove: “M5S non è schiacciato dalla Lega. Abbiamo realizzato metà programma”

next