La dieta Auschwitz non la faccio manco se mi pagate” e la foto di una credenza piena di cibo. Fa discutere l’ultima uscita sui social della giocatrice di basket e influencer Valentina Vignali che, in una storia su Instagram, ha pubblicato un video in cui mostra i ripiani della sua cucina pieni di prodotti e, a commento, quella frase davvero di cattivo gusto. Il primo a saltare sulla sedia è stato Daniele Regard, membro della comunità ebraica romana: “Un commento da vomito – scrive sul profilo Facebook -. Il problema non è solo la sua totale ignoranza becera, ma che giovanissimi che la seguono leggano una cosa simile, banalizzandola. Influencer de che?”.

Ma sono migliaia i commenti indignati al suo post: “Non siamo sempre al circo o al bar, esistono questioni delicate e persone che meritano rispetto” sostiene un utente; “Battuta figlia della povertà culturale della nostra epoca, nella quale questa tipa è cresciuta” replica un altro; “Usare il nome di Auschwitz in altri contesti, anche per indicare metodi drastici e dittatoriali, è uno sminuire l’atrocità di quello che è successo nell’inferno in terra: non è e non può essere una metafora”, risponde un altro ancora a chi provava a difenderla.

Valentina Vignali ha cancellato il video incriminato (ma ormai già salvato da centinaia di utenti) e si è poi scusata: “Ho usato un termine improprio con leggerezza e mi spiace se è stato offensivo – afferma -. Sicuramente non era mia intenzione, dato che quest’estate invece che andare a Ibiza sono stata in Austria in vacanza a vedere tra tante cose anche i campi di concentramento (l’unico presente nel paese è quello di Mauthausen, ndr)”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Adriana Lima dice addio a Victoria’s Secret: lacrime e mani sul cuore nella sua ultima sfilata da “angelo”

next
Articolo Successivo

Paolo Virzì e Micaela Ramazzotti si separano dopo 10 anni di matrimonio

next