Prima, in Commissione Affari costituzionali e Giustizia, il voto di Lega e M5s a favore dell’allargamento del ddl anticorruzione alla prescrizione, con le opposizioni che hanno denunciato la “mancanza di voto, perché eravamo tutti in piedi” e la rissa sfiorata tra i deputati, che ha reso necessario l’intervento dei commessi per sedare gli animi. Poi, alla Camera, lo scontro che si è protratto tra la presidente della Commissione, Giulia Sarti, e i deputati delle opposizioni, in particolare Marco di Maio del Pd e Giusi Bartolozzi di Forza Italia. Azzurri che, successivamente, hanno occupato i banchi del governo urlando “vergogna, vergogna”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Prescrizione, Bonafede: “Norma rimane in ddl Anticorruzione, ma entrerà in vigore tra un anno. Governo compatto”

prev
Articolo Successivo

Decreto insicurezza

next