“Lega, Bongiorno e Salvini criticano la riforma della prescrizione? E’ la solita furbata per rinviare al giorno dopo ciò che andava fatto ieri. Ma togliere la prescrizione non serve“. Sono le parole dell’ex magistrato Antonio Di Pietro, intervistato nella trasmissione “Ho scelto Cusano”, su Radio Cusano Campus.

“Il problema è che nel nostro Paese i processi sono troppo lunghi” – spiega – “E qual è la soluzione che è stata proposta finora? Siccome i processi sono lunghi, dopo un po’ di tempo non li facciamo più. Siccome ci sono troppi reati, dopo un po’ di tempo non li perseguiamo più. Mi sembra una grande sconfitta dello Stato. Ciò che serve è abbreviare i processi e per farlo non bisogna togliere la prescrizione, ma ridurre i gradi di giudizio, togliere l’appello, lasciare soltanto il primo grado e la Cassazione”.

E aggiunge: “Bisogna modificare il codice penale eliminando una miriade di reati, che creano soltanto ingolfamento delle procure senza che si arrivi ad una soluzione. Questi sono gli interventi da fare. Ci sono modi e modi per ridurre il carico dei magistrati. Uno è quello di non fare i processi, bella soluzione. E alle vittime chi ci pensa?”.
L’ex leader dell’Idv si pronuncia anche sul dl sicurezza: “Vediamo se effettivamente i dissidenti del M5s non lo voteranno. Secondo me, con la scusa del voto di fiducia poi alla fine lo voteranno tappandosi il naso e dicendo una cosa per poi farne un’altra, come è successo con il Tap e altre questioni. Prima di dare merito a quelli del M5s che non vogliono votare questo decreto, li voglio vedere alla prova del voto”.

E chiosa sul condono a Ischia: “I condoni servono soltanto ad aumentare la criminalità, ad incrementare il senso di impunità e a mettere il cittadino nelle condizioni di non credere nella giustizia. Quindi, sono contrario al fatto che nel decreto Genova sia stato messo il condono per ville e megaville a Ischia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Boeri e la bufala dell’Inps fondato da Mussolini: “Non è vero. Stiamo celebrando i 120 anni di storia dell’istituto”

prev
Articolo Successivo

Migranti, la Lega in Lombardia non vuole farli lavorare in parchi e giardini: “Premiare i Comuni che non li utilizzano”

next