Il capogruppo del M5s al Senato, Stefano Patuanelli, sul decreto Sicurezza a firma Matteo Salvini, richiama alla disciplina di partito i senatori pentastellati Fattori, De Falco, Nugnes e Mantero: “Il miglioramento al testo che stiamo proponendo con gli emendamenti concordati con la Lega sono sufficienti per farlo votare a tutti i membri del nostro gruppo parlamentare e laddove si arrivasse a porre la questione di fiducia – spiega Paruanelli – difficilmente un componente del M5s potrà non votarla – e aggiunge – per chi non vota la fiducia si aprirà un provvedimento disciplinare“. Così non si limita la libertà del parlamentare? “Chi non vota la fiducia si pone all’opposizione del governo -replica Patuanelli – e questo esecutivo guidato da Giuseppe Conte è comunque espressione del M5s – e ribadisce – chi non voterà la fiducia, se sarà posta, se ne assumerà le conseguenze”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tav, Toninelli: “Accordo con Francia per non farla”. Lega: “Per noi si fa”. Conte: “Analisi costi-benefici, poi faremo sintesi”

next
Articolo Successivo

Dl Sicurezza, Nugnes e De Falco (M5s): “Espulsi se non votiamo fiducia? Noi coerenti al Movimento, non stiamo tradendo”

next