Il capogruppo del M5s al Senato, Stefano Patuanelli, sul decreto Sicurezza a firma Matteo Salvini, richiama alla disciplina di partito i senatori pentastellati Fattori, De Falco, Nugnes e Mantero: “Il miglioramento al testo che stiamo proponendo con gli emendamenti concordati con la Lega sono sufficienti per farlo votare a tutti i membri del nostro gruppo parlamentare e laddove si arrivasse a porre la questione di fiducia – spiega Paruanelli – difficilmente un componente del M5s potrà non votarla – e aggiunge – per chi non vota la fiducia si aprirà un provvedimento disciplinare“. Così non si limita la libertà del parlamentare? “Chi non vota la fiducia si pone all’opposizione del governo -replica Patuanelli – e questo esecutivo guidato da Giuseppe Conte è comunque espressione del M5s – e ribadisce – chi non voterà la fiducia, se sarà posta, se ne assumerà le conseguenze”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tav, Toninelli: “Accordo con Francia per non farla”. Lega: “Per noi si fa”. Conte: “Analisi costi-benefici, poi faremo sintesi”

next
Articolo Successivo

Dl Sicurezza, Nugnes e De Falco (M5s): “Espulsi se non votiamo fiducia? Noi coerenti al Movimento, non stiamo tradendo”

next