“Se si fida Salvini per noi va benissimo, ma che Giorgetti sia establishment e sistema è innegabile“. L’unica replica al sottosegretario della Lega da parte del Movimento 5 stelle arriva da Gianluigi Paragone. “Il trascorso di Giorgetti lo conosciamo. Non è quello di Salvini, che non è colui che parla con i presidenti delle fondazioni bancarie“, ha detto il giornalista eletto in Senato del M5s. Secondo Paragone, infatti, Giorgetti “rappresenta benissimo il palazzo, il sistema. È stato due volte presidente della commissione Bilancio, fa le trattative, fa le nomine, tiene i rapporti col sistema economico, è più vicino all’establishment rispetto a noi”.

Proprio oggi, infatti, il numero due del Carroccio ha attaccato l’alleato pentastellato sulla caso del dl fiscale. “Non consento a nessuno di alludere a complotti e trame oscure, con dichiarazioni così scomposte. Se si continua ad attaccare chi prova a tenere in piedi la baracca, il governo non andrà molto lontano. Spero Luigi Di Maio ci vada davvero, in procura. Scoprirà che la famosa “manina” è in casa loro. Ma occhio, così loro si vanno a schiantare”, ha detto Giorgetti in un’intervista a Repubblica.

“Se la Lega rivendica quel testo dicendo: quel testo deve andare così come è, si apre un problema politico”, dice Paragone. Che sui rilievi fatti dall’Unione europea alla legge di bilancio italiana, ha aggiunto: “La nostra manovra economica è fatta con tutti i crismi. Se non piace all’Europa, se ne farà una ragione”. E ha insistito: “La manovra economica non si tocca. Se pensano che andiamo a rivedere al ribasso le cifre, si sbagliano di grosso”. Per il giornalista, poi, il commissario Ue Pierre Moscovici è “è un fanatico, Juncker è un fanatico. Qui abbiamo il presepe dei fanatici! Questi qui rappresentano la finanza, il fanatismo contabile, quello che ha prodotto la povertà”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Manovra, Conte: “Salvini al Cdm? Non prendo le presenze in anticipo”. Poi la rassicurazione: “La maggioranza è solida”

next