L’Italvolley femminile è in finale mondiale dopo 16 anni, trascinate da Paola Egonu, autrice di 45 punti. Le azzurre hanno battuto 3-2 la Cina in un match vibrante, a tratti dominato e in altri assai combattuto. Per la seconda volta nella storia, quindi, l’Italia proverà a conquistare il titolo iridato. L’avversaria sarà la Serbia, che si è imposta per 3-1 sull’Olanda. Le ragazze di Davide Mazzanti iniziano la semifinale asfaltando le cinesi con un perentorio 25-18. La reazione delle cinesi è stata immediata con un secondo set sempre in vantaggio, concluso con due ace della Hu per il 25-21 che riapre il match. 

Il punto decisivo delle azzurre

Ma nel terzo set le azzurre hanno dimostrato tutta la loro forza offensiva e, trascinate da Egonu, autrice di più di un punto su due dell’Italia, si sono imposte 25-16 perfezionando il 62% degli attacchi. Molto combattuto il quarto: Italia abbastanza contratta a un passo dalla storia, ma capace comunque, nonostante diversi errori in ricezione e qualche difficoltà di Sylla, di controllare la reazione cinese per poi giocarsi tutto nel finale e arrivando per due volte a un punto dalla finale grazie a Egonu. Ma alla fine, dopo 9 punti decisivi annullati da una parte e dall’altra, è la Cina a imporsi 31-29 grazie all’attacco decisivo di Zhu corretto dal challenge.

Il tie-break è combattuto: si va avanti di parità in parità, fin dal primo punto. Ogni volta che la Cina prova lo strappo, è Egonu a tenere le azzurre incollate. Poi il vantaggio sul 10-9 arriva grazie a un primo tempo di Danesi. È un attimo e le cinesi ribaltano tutto, murando Egonu, ma sprecano in battuta (11-11) e sempre la giovane di origini nigeriane regala il nuovo vantaggio azzurro. E dopo il muro di Chirichella, proprio lei mette a terra l’ace del 14-12 ma poi va lunga nella battuta successiva e sbaglia anche il secondo match point mandando fuori la battuta.

Le azzurre vanno sempre da lei: una dentro e una fuori, la partita resta in bilico fino al terzo match point sul 16-15 con Chirichella in battuta. Questa volta Egonu la mette a terra ed è finale, in programma sabato alle 12.40.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Salvimaio, il nuovo spettacolo di e con Andrea Scanzi. Le date del tour

prev
Articolo Successivo

Mondiali volley, Francesca Piccinini a 16 anni dal suo mondiale: “Come noi, questa squadra ha fatto innamorare l’Italia”

next