I presidenti della Repubblica sono “custodi della Costituzione” e svolgono “una funzione di responsabile vigilanza costituzionale”. In questo senso, si può dire che “la Costituzione parla attraverso di essi”. Sono le parole del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, a Pontedera, alla cerimonia commemorativa per il quarantesimo anniversario della morte di Giovanni Gronchi, terzo presidente della Repubblica italiana dal ’55 al ’62.
Mattarella, nel suo discorso, ha citato sia Piero Calamandrei sia Giovanni Galloni, spiegando che il Quirinale è “un punto di incontro, di supplenza, gestore non già di una politica di governo, che non gli compete, bensì degli indirizzi fondamentali della Costituzione e rispetto ai quali i programmi di governo sono una espressione”. In più, ha aggiunto, “contro ogni smarrimento costituzionale, contro ogni inerzia, il presidente della Repubblica può essere, se vuole, attraverso i suoi ammonimenti, la viva vox costitutionis”.
Gronchi, ha ricordato Mattarella, di fronte all’instabilità politica seguita alla crisi delle formule dei governi centristi, individuò “un ruolo istituzionale sino ad allora non sperimentato nella figura presidenziale, utilizzando la ‘cassetta degli attrezzi‘ contenuta nella Carta fondamentale. I costituzionalisti furono largamente concordi in un giudizio positivo; non altrettanto alcuni commentatori politici”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pace fiscale, non c’è niente da fare: agli italiani piace evadere le tasse

next
Articolo Successivo

Manovra, Pizzarotti: “La ‘manina’ denunciata da Di Maio? Assurdo e paradossale. Ricordo che lui si perdeva le mail”

next