Gli e-book richiedono un dispositivo specifico per consentire una lettura riposante. E uno degli e-book reader più famosi al mondo è il Kindle di Amazon. Oggi è stato presentato il nuovo Kindle Paperwhite, una sorta di berlina che si posiziona tra l’utilitaria semplicemente chiamata “Kindle” e il lussuoso “Oasis”.

Si tratta di un modello di quarta generazione che ormai sembra essere giunto a piena maturità tecnologica. È più maneggevole rispetto al passato, grazie a uno spessore di 8,18 mm e un peso di 182 grammi, ed è resistente ai liquidi – non più di 60 minuti a 2 metri di profondità. La zona posteriore è morbida e il cambio pagina si fa semplicemente toccando la parte destra o sinistra dello scherma a seconda che si desideri procedere in avanti o indietro.

La qualità principale è comunque legata allo schermo da 6 pollici touch a inchiostro elettronico (e-ink) che per di più in questo modello è finalmente a filo dello chassis. Nulla a che vedere con i pannelli LCD degli smartphone, dei tablet o dei monitor. La tecnologia e-ink, che oggi tendenzialmente viene offerta con 16 livelli di grigio, nasce per offrire un’esperienza di lettura analoga a quella del cartaceo. Insomma, gli occhi non si affaticano.

Il nuovo Paperwhite però monta comunque 5 luci a LED (regolabili) nella cornice, che consentono la lettura serale e al buio. Già, perché l’e-ink di fatto è “spento” e non produce bagliore come farebbe uno smartphone, quindi ha bisogno di una sorgente laterale.

Il dettaglio dei caratteri poi è assicurato da una risoluzione di 300 pixel per pollice, come il top di gamma Kindle Oasis. Da ricordare inoltre che gli e-book reader consentono il completo controllo delle dimensioni e del tipo di carattere, agevolando così ulteriormente la lettura dei testi.

L’autonomia poi è da primato, considerato il mondo dei gadget. Grazie proprio a questo tipo di schermo si può godere di settimane di operatività – non ore.

Lo spazio di archiviazione è stato raddoppiato rispetto al modello precedente. Si parte dalla versione da 8 GB e si arriva all’allestimento top da 32 GB. Da ricordare però che anche solo con 8 GB di spazio si possono archiviare circa 6000/7000 libri digitali. Per altro grazie al Wi-Fi integrato i libri si acquistano direttamente su Amazon sfruttando la propria connessione domestica o quelle gratuite nei locali.

Il Paperwhite 8 GB si può prenotare da oggi sul sito ufficiale Amazon.it a un prezzo di 129,99 euro, ma le consegne inizieranno a partire dal 7 novembre. La versione da 32 GB sarà disponibile nelle prossime settimane con un prezzo di 229,99 euro.

Difetti? Ben poco da segnalare dato che lo schermo e-ink del Kindle è lo stesso che montano molti altri concorrenti e Amazon è una piattaforma di riferimento per gli e-book. Forse si potrebbe dire che il prezzo di listino non è molto abbordabile, ma storicamente i reader sono affidabili e hanno un ciclo di vita piuttosto lungo. In sintesi, il Kindle Paperwhite sulla carta appare come un buon e-book reader, ma se volete spendere meno sul mercato vi sono tante alternative come il Kobo Aura, Tolino Shine, Sony, etc.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Photoshop arriva su iPad nel 2019, gli utenti amatoriali potranno avere foto spettacolari

prev
Articolo Successivo

Huawei Mate 20 Pro si candida a diventare uno dei migliori top di gamma Android, al primo contatto – ANTEPRIMA e FOTO

next