Sono quasi 100mila (97.690) i figli minorenni di genitori separati su cui in queste settimane sono puntati i riflettori dopo la proposta del ddl del senatore leghista Simone Pillon che vorrebbe la “bigenitorialità perfetta” e la mediazione obbligatoria per trovare un accordo sul mantenimento dei figli e sul loro affido. Una proposta criticata dal Garante dell’infanzia che ha presentato la Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori. “Regole astratte e predeterminate, come la divisione paritetica dei tempi di permanenza del figlio presso ciascun genitore, potrebbero risultare in contrasto con il reale interesse del minore, che va comunque sentito se l’età lo consente prima di assumere decisioni che lo riguardino. Occorre quindi una valutazione caso per caso che tenga conto delle reali esigenze del figlio. Molti sono i fattori che possono entrare in gioco: l’età, la situazione abitativa dei genitori, l’inserimento di un nuovo partner e di una sua eventuale famiglia, gli affetti, la scuola”.

La garante Filomena Albano attende da mesi di poter dire la sua: il 31 agosto ha chiesto di essere audita dalla Commissione giustizia del Senato competente per l’esame dei disegni di legge in materia di affido condiviso ma non ha ancora avuto risposta. Nel frattempo ha presentato la Carta che è legata a un’attività progettuale avviata lo scorso anno: “Abbiamo pensato – spiega la Garante – di realizzarla per tenere alta l’attenzione sulle esigenze e i diritti di bambini e ragazzi che si trovano a vivere i cambiamenti, le difficoltà e i contrasti legati alla separazione dei genitori”.

È il frutto di un percorso partecipato che ha coinvolto esperti scelti tra personalità del settore giuridico, sociale, psicologico e pedagogico e del contributo fornito dai ragazzi della Consulta, organo di consultazione permanente dell’autorità, costituito lo scorso aprile e composto da 18 ragazzi di età compresa tra i 13 e i 17 anni, provenienti da diverse realtà aggregative. Dieci sono i diritti tra i quali quello “di non essere strumentalizzati, di non essere messaggeri di comunicazioni e richieste esplicite o implicite rivolte all’altro genitore; di non essere indotti a mentire e di non essere coinvolti nelle menzogne”, ma anche il diritto di essere ascoltati e ricevere spiegazioni sulle decisioni prese, in particolare quando divergenti rispetto alle loro richieste e ai desideri manifestati. Il figlio ha il diritto di ricevere spiegazioni non contrastanti da parte dei genitori.

“Il documento promuove la centralità dei figli proprio nel momento della crisi della coppia – evidenzia Albano -. I genitori, anche se separati, non smettono di essere genitori”. La Carta si apre con il diritto dei figli di continuare ad amare ed essere amati da entrambi i genitori e di mantenere i loro affetti. “I figli devono poter stare al centro della vita dei genitori”, avverte la Garante che ricorda come “il genitore deve poter essere un faro, un riferimento, la prima persona a cui il figlio pensa di rivolgersi in caso di difficoltà e per condividere gioia ed entusiasmo. Per aiutare i figli bisogna renderli consapevoli che nel cuore e nella testa si ha un posto per loro”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Stefano Cucchi, perché i test d’ammissione alle forze dell’ordine vanno ripensati

prev
Articolo Successivo

La Sicilia e i giovani sono stati abbandonati

next