Il 12 ottobre è stata uccisa una donna di 66 anni e il marito di 74 anni è stato arrestato, accusato di aver ucciso la moglie. Due giorni prima Federico Moccia aveva scritto in un articolo: “Se un uomo di una certa età decide di uccidere la moglie o la compagna di una vita, perché magari è deluso dal fatto che certe dinamiche di coppia siano cambiate… la loro colpevolezza è pari… allora se la prende con la persona amata e cerca di ferirla ancora di più: se la prende con i figli”. Sono parole che sono state molto criticate, Moccia poi ha detto di essere stato male interpretato, ma quando si parla di violenze contro donne e bambini si deve essere chiari, la responsabilità è sempre solo dell’uomo violento e nessuna giustificazione, la “persona amata” è uccisa per odio non per amore!

Federico Moccia è considerato un esperto dell’amore, ma lo è davvero? È diventato famoso con Tre metri sopra il cielo, con il successo che ha avuto questo libro poi ne ha scritti altri, fatto film ed è invitato spesso in tv e nei mass-media scrive articoli come esperto dell’amore. Ma quanti adulti, giornalisti, professori, genitori, hanno letto Tre metri sopra il cielo? Io alcuni anni fa l’ho letto e ho scoperto che dell’amore nel libro non c’è niente. Il successo si basa tutto sul titolo e sulla pubblicità che ha fatto l’autore e chi lo ha aiutato. I protagonisti maschili nel libro e nel film sono violenti (una violenza gratuita) e maschilisti, mentre le ragazze sono solo oggetti al loro servizio, che si devono adattare ai comportamenti e desideri dei ragazzi, questo è il messaggio che poi resta nelle menti di chi legge il libro e vede il film.

Per Moccia l’amore è solo pensare a se stessi e al proprio piacere, i ragazzi devono essere “bastardi” e violenti, le ragazze devono solo compiacere i maschi. In Tre metri sopra il cielo anche la “prima volta” di Babi con Step è con il ragazzo che pensa solo al suo piacere, invece per le ragazze il primo rapporto vaginale deve sempre essere, come per i maschi, con orgasmi e mai più doloroso –come ho scritto su Il Fatto Quotidiano – e questo si deve spiegare sempre ai ragazzi quando si fa educazione sessuale, educazione a fare l’amore.

Tre metri sopra il cielo è un libro che condiziona negativamente gli adolescenti e tutti, anche le ragazze, pensano che il libro finisca male e danno la colpa alla protagonista, Babi, invece per me il libro finisce bene, perché lei lasciandolo si salva dalla incapacità ad amare di Step (lui voleva solo portarsela a letto perché all’inizio lei non lo aveva considerato) e dalle sue violenze che non hanno giustificazioni.

In questi ultimi anni ci si lamenta delle violenze e del bullismo che aumentano tra gli adolescenti, che i ragazzi non sanno amare, ma se leggono Tre metri sopra il cielo e pensano che quello sia l’amore… Per me Moccia di amore (e fare l’amore) ne sa veramente poco, per questo non mi sono stupito delle frasi che ha scritto sugli uomini di una certa età che ammazzano la moglie e i figli. I suoi libri e film sono solo un business, creato anche grazie ai mass-media. Voglio avvisare i genitori che hanno figli adolescenti: state attenti ai libri che leggono, soprattutto all’età di 11-16 anni, quando sono più vulnerabili e “plagiabili”, e non fate leggere Tre metri sopra il cielo ai vostri figli.

Oggi non esiste ancora un’educazione all’amore perché c’è la convinzione che non si possa imparare ad amare, ma questo non è vero e l’amore si può e si deve insegnare nelle scuole, perché purtroppo i ragazzi arrivati all’adolescenza sono lasciati completamente da soli e non sanno niente dell’amore; nel mio post di replica a Papa Francesco potete trovare gli argomenti sull’amore da spiegare nelle scuole.

In conclusione, amare è fare felice chi si ama, ma questo non significa accettare e giustificare le violenze del partner e assecondare o esaudire sempre i suoi desideri (vedi Tre metri sopra il cielo), se sono comportamenti e azioni che sono contro le proprie convinzioni e principi, si deve dire di no (o lasciarlo), se siete amate veramente, sarete rispettate e il no sarà accettato senza problemi dal partner. Chi vuole approfondire questi argomenti legga La sessualità umana e l’educazione a fare l’amore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sessualità: anche gli uomini hanno una vagina, anche le donne hanno un pene

prev
Articolo Successivo

Anoressia sessuale, quando il partner rifiuta il rapporto e il contatto fisico

next