Se vi è capitato di vedere almeno un episodio degli Avengers, probabilmente avrete invidiato Iron Man e il suo super assistente virtuale Jarvis. Parla al supereroe dandogli indicazioni di ogni tipo, e gli mette letteralmente davanti agli occhi le indicazioni di cui ha bisogno, anche in forma grafica. Se siete motociclisti sappiate che potreste sentirvi un po’ Iron Man con il casco Jarvish X-AR. Quello che fa è molto semplice: è un vero e proprio visore di realtà aumentata, che promette di fornire ai centauri informazioni in tempo reale come la velocità di crociera e le condizioni meteo, indicazioni di navigazione satellitare, oltre alla visione posteriore, proiettata grazie una fotocamera a 360 gradi installata sul retro del casco stesso. Morale: potrete tenere gli occhi inchiodati sulla strada, senza più controllare gli specchietti retrovisori, o abbassare gli occhi per vedere a quale velocità state andando o qual è la prossima svolta che dovete prendere.

Per beneficiare di questo lusso non dovrete cambiare telefono o assistente vocale: Jarvish è compatibile con con Siri, Alexa e Google Assistant. Semmai il vostro problema potrebbe essere il prezzo, perché le innovazioni tecnologiche, si sa, quando esordiscono si fanno pagare. Jarvish X-AR infatti costerà 2.599 dollari.

Se il vostro budget è più modesto non demordete: c’è anche una versione più “nazional popolare” di questo casco, che si chiama Jarvish X, a cui mancano le funzioni di realtà aumentata, ma non le altre. Avrete comunque a disposizione l’assistente vocale, le indicazioni in forma vocale relative alla navigazione, al traffico e al meteo. Chi ama rivedere le proprie imprese rivivrà con gioia le immagini registrate dalla videocamera frontale con risoluzione 2K. Analogamente al modello più lussuoso garantisce qualità costruttiva grazie all’impiego della fibra di carbonio e tecnologia per la riduzione del rumore, che in moto fa sempre comodo. Il prezzo in questo caso è più accessibile, ma non a buon mercato: 799 dollari. Dovrebbe arrivare in vendita su Kickstarter a gennaio, prima del modello extra lusso che è in programma per metà 2019.

A prescindere dal casco che indossate, ricordate che in moto restare sempre concentrati sulla strada è fondamentale per la vostra incolumità e quella di chi si trova attorno a voi. La tecnologia può essere d’aiuto, ma non deve mai essere una distrazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milan Games Week, Marco Massarutto di “Kunos Simulazioni” racconta lo sviluppo di Assetto Corsa Competizione

next
Articolo Successivo

Facebook, dopo l’attacco i dati personali in vendita online. A prezzi stracciati

next